Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

mercoledì 23 settembre 2015

Dedicare spazio a cose inutili (e a MJ)

Sono sicuro che tutti voi sapete già che quella che l'altro ieri è stata nominata Miss Italia, tal Alice Sabatini di diciotto anni, ha detto una cazzata a proposito di una domanda su quale periodo storico avrebbe voluto vivere. Ha risposto il 1942, per vedere la guerra da vicino tanto lei era donna e non avrebbe fatto il soldato.

L'intellighenzia italica, media, giornaloni, editorialisti, misti ai soliti da social network (quelli che sono sfigatissimi nella vita, dove non li ascolta nessuno, ma dietro al computer diventano, secondo necessità, Schopenauer o Rambo o Madre Teresa o Ronaldo eccetera), s'è scagliata contro la povera Miss.

Ad ore di distanza, la storia stava scemando anche dalle cronache più insulse ─ tale è. Se non fosse che la tipa ha precisato e ha un po', come si dice in francese, "mescolato la merda ma tanto quella continua a puzzare" e dunque s'è riacceso il giro degli opinionisti e dei meme in un secondo round. Un certo Valerio Staffelli di "Striscia la Notizia" ─ che ai miei tempi era un programma satirico in cui delle veline mostravano le chiappe, mentre invece adesso nella mente degli italiani sembra aver sostituito lo Spiegel sul campo dell'inchiesta giornalistica ─ l'ha intervistata e gli ha chiesto, lui l'astuto cronista, di citare un personaggio storico italiano che ammira particolarmente. Lei ha risposto ─ la merda si sa, quando la mescoli ─ «Michael Jordan», che tutti noi sani di mente ammiriamo come un quasi Dio, e dunque la risposta è stata presa a sberleffi. Chiaro che Jordan non è un personaggio storico ─ non nel senso che Staffelli voleva intendere, anche se ci sarebbe da vedere ─ e soprattutto non è nemmeno italiano: dunque su questo valgono quegli sberleffi.
Al di là che se io ci penso non mi viene in mente così la volo un personaggio storico che goda della mia particolare ammirazione, non perché non ce ne siano ma perché è una domanda scema ─ e meno che meno mi sarebbe venuto in mente pressato da riflettori, telecamera e microfono ─ e forse non avrei nemmeno saputo scegliere tra le epoche storiche una da viverne, che è un'altra domanda scemissima (e c'è sempre quella cosa dei riflettori), mi chiedo: adesso che avete preso per il culo una diciottenne che ha detto una cazzata, vi sentite migliori? Che senso ha prendere per il culo una di diciotto anni? Voi ce li avete mai avuti diciotto anni? Vi ricordate le cazzate che dicevate? Personalmente di cazzate dette a diciotto anni potrei riempire tomi, e sono profondamente orgoglioso di quelle cazzate: soprattutto quando avevo diciotto anni, forse avrei avuto anch'io chiaro in mente il mio "personaggio storico preferito": e sarebbe stato Michael Jordan. Però voi sì: avete dimostrato di essere migliori di una diciottenne.

Nota conclusiva: quella di Alice Sabatini era una cazzata, detta come si dicono tante altre cazzate ─ e se ne dico anche superati i diciotto anni ─, detta da una ragazza che ancora sta crescendo e che era probabilmente sotto un'enorme pressione da palcoscenico (il contesto, darling, è tutto nella vita). Non chiamiamola nemmeno gaffe, chiamiamola cazzata e lasciamola stare. E lasciamo stare pure MJ, che è un personaggio storico più di quanto si possa immaginare: guardate le scarpe che indossate, osservate come si muovono oggi gli atleti dello sport che amate, poi andate indietro al 1985.

E comunque, lei, la Miss, sulla chiappa c'ha tatuato la schiacciata dalla lunetta, e noi no.




Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie