Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 15 giugno 2015

Utility per indignati

Lo Stato italiano garantisce ai rappresentanti delle istituzioni di passare dal mondo della politica a quello delle società private senza la necessità di far trascorrere un relativo lasso di tempo tra i due incarichi, e non importa se poi si occupano ruoli e mansioni simili a quelli ricoperti a livello istituzionale.

È per esempio il caso del vice ministro degli Esteri Lapo Pistelli, che dal 1 luglio lascerà l'incarico di governo e si dimetterà da deputato per andare a ricoprire il prestigioso incarico di senior VP dell'Eni con l'incarico di «promuovere il business internazionale e di tenere i rapporti con gli stakeholders [in Africa e Medio Oriente] e dei progetti sulla sostenibilità». Cioè Pistelli per Eni tratterà dossier come la Libia e l'Iran: roba che ha trattato pure per il governo italiano, per dire.

(In America per esempio, con tutti i limiti, il fenomeno delle revolving doors è regolamentato: deve passare almeno un anno di tempo tra un incarico e l'altro, per evitare per lo meno clientilismo, conflitti di interesse, appiattimento delle visioni, funzionalità, efficacia, eccetera, tralasciando l'etica per carità).

Voi indignati di mestiere, anticastisti che inseguite in contromano le "auto blu", manettari da prosciutti alla maestra, dovreste essere sul piede di guerra adesso, complottamente furiosi e saperlalungamente preoccupati.

E invece il nostro problema è che voi non ci capite un cazzo. E qui ci tocca fare la lotta e il governo, un lavoro doppio solo perché siete dei cialtroni.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie