Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 21 aprile 2015

Stare di qua o stare di là (oppure no)

Mattia Ferraresi ha spiegato una cosa ovvia quanto importante sul Foglio: si parla dei temi di politica estera italiana, in particolare dell'apertura fornita da Renzi a Putin e della posizione non proprio compiacente espressa da Obama durante la visita del premier italiano alla Casa Bianca di pochi giorni ─ sono cose note e già dette, ma sono spiegate molto bene e con perfetta linearità, dunque le riposto.
Sul dossier russo, discusso pubblicamente in termini ovattati, pare siano emersi a porte chiuse momenti di malumore. Una fonte del dipartimento di stato conferma che il viaggio di Renzi in Russia del mese scorso non è stato gradito a Washington, e che il presidente non ha mancato di esprimere il suo disappunto. Merkel e Hollande hanno visto Putin nel contesto dei negoziati di Minsk, mentre Renzi s’è ritagliato un profilo di autonomia nella gestione dei rapporti con Mosca che non è stato accolto con particolare favore a Washington, anche se non sfuggono a nessuno le ragioni strategiche e commerciali dell’Italia. La ricerca di un’iniziativa internazionale autonoma, anche per smarcarsi dai formati a trazione franco-tedesca che prevalgono su tutti i dossier di peso, è un tratto ricorrente della politica renziana, ma finché il premier tratta con il presidente egiziano al Sisi l’amministrazione multilaterale di Obama annuisce e incoraggia, quando si parla di Putin l’antifona cambia. Sisi è un alleato solido e strategicamente decisivo per la Casa Bianca, che lo ha riabilitato anche formalmente con lo scongelamento dei fondi militari; Putin è un avversario che va isolato a suon di sanzioni.
Dietro a queste che sembrano indiscutibili verità, c'è il dubbio espresso da qualcuno ─ e riportato da Ferraresi in quello stesso articolo  ─ su una forzatura renziana, cioè su un'operazione di spin che ha come piano dare maggior risalto e autorevolezza alla posizione presa da Renzi in politica estera (lo smarcarsi dalle logiche di coalizione, di subalterni al sistema franco-tedesco). La Casa Bianca irritata, potrebbe essere una leva per far discutere l'attività di Renzi, nella logica del "bene o male purché se ne parli".


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie