Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 19 settembre 2014

Uno straordinario esempio di democrazia

La Scozia resterà parte della Gran Bretagna: il Regno Unito non si disunirà. Gli "unionisti" hanno battuto i "separatisti" 55.3 a 44.7: queste le percentuali di voto che le urne hanno consegnato la notte passata e che la Commissione elettorale di Edimburgo ha certificato.

«Accetto il verdetto del popolo e invito tutti gli scozzesi a fare altrettanto», ha commentato il premier Alex Salmond, una vita spesa nel Partito Nazionale Scozzese, sognando quella votazione.

Ed è tutto lì, nelle parole di Salmond, lo straordinario esempio di democrazia che la vicenda scozzese ci lascerà per sempre. Uomini e donne che hanno aspettato l'apertura di quelle urne per decine e decine di anni, che hanno votato ─ l'85% di affluenza è un altro pezzo di quell'esempio ─ e hanno deciso, scelto, liberamente, sull'enorme possibilità garantita dall'Inghilterra, nonostante fosse per gran parte apertamente schierata per evitare il distacco.

Saremmo tutti portati a stare con il più debole, non per becero pauperismo, ma per la costruzione drammatica della vicenda: la Scozia che combatte il colosso, che sogna e che vince. Ma poi la ragione ci potrebbe invece spostare verso argomenti più pratici: l'economia, la moneta, le istituzioni, una collocazione internazionale, la Difesa; questioni che sarebbero state macigni sulla groppa della neonata Scozia indipendente. Anche se a quelli come noi, l'indipendenza piace, ché la libertà è tutto.

Non c'è un lato: da qualsiasi delle due parti presenti in questa storia c'è solo da imparare. Imparare a vivere.

Coraggio, intraprendenza, sogni, speranze, persone, democrazia, libertà. Storie da raccontare a Tea per spiegargli come la politica possa rappresentare tutto nella vita, possa interpretare le esistenze, possa segnare le coscienze e dirigere il futuro.

 Non vedo l'ora.


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie