Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 7 aprile 2014

Cose che non piaceranno a Israele

Il dipartimento del Tesoro americano ha concesso alla Boeing una licenza per l'esportazione di alcune parti di ricambio commerciali in Iran.

I rapporti tra l'azienda e Teheran risalgono a prima del 1979 - anno della crisi degli ostaggi, che aprì di fatto le azioni sanzionatorie americane nei confronti della repubblica islamica. Gli attuali aerei della flotta Iran Air sono antecedenti a tale data - sarebbero stati acquistati intorno ai primi anni Settanta -, ragion per cui il Tesoro avrebbe permesso a Boeing di effettuare delle opere di manutenzione in alcune parti strutturali (tra cui 18 motori malmessi della General Electric). L'obiettivo è migliorare la precaria sicurezza aerea della flotta iraniana, vittima di circa 200 incidenti negli ultimi venticinque anni, che hanno provocato più di 2000 morti.

Quasi inutile aggiungere che la concessione rientra nei piani d'intesa sul nucleare, stipulati lo scorso novembre da Stati Uniti e Iran - e al conseguente alleggerimento delle sanzioni. La circostanza potrebbe anche aprire a Teheran la possibilità di acquisto di altri apparecchi, per rinnovare completamente la flotta - se dovesse essere raggiunto un accordo permanente, l'Iran potrebbe comprare centinai di aerei.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie