Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 18 febbraio 2014

Esportare il cambiamento climatico

Il Sec of State americano Kerry, in visita ufficiale in Indonesia ha detto che negare il cambiamento climatico è come insistere che la Terra è piatta. Nel discorso, molto retorico a quanto pare, ha parlato dei catastrofici eventi naturali che stanno continuamente colpendo il pianeta e ha incolpato di questo le emissioni in atmosfera, individuate da Kerry come responsabili del global warming. Ha battuto molto su petrolio e carbone, come principali colpevoli.

L'indipendenza energetica è vicina, e la forza degli Stati Uniti in questo momento si misurerà anche sul far passare certe argomentazioni, contro i Paesi in via di sviluppo - come l'Indonesia, appunto - e contro i produttori di petrolio. La scommessa climatica di Obama, lanciata con quel discorso alla Georgetown University - molto criticato, a dire il vero anche troppo -  non è solo un'aspetto del "Tikkum Olam" del presidente, ma è un piano di rafforzamento strategico della propria potenza mondiale. Mentre intorno a lui, tutti sono ancora in ritardo e la Convenzione quadro dell'Onu si è rivelata un fiasco, rimandando ancora le decisioni, alla riunione di Parigi nel 2015.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie