Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 21 gennaio 2014

Super Bowl 2014: frittatone di cipolle, famigliare di Peroni gelata, tifo indiavolato e cannabis libera

Saranno i Denver Broncos contro i Seattle Seahawks a giocare tra due domeniche, il 2 febbraio, al MetLife Stadium, a East Rutherford, in New Jersey, il Super Bowl 2014.

Qua si tifa Denver e Payton Manning, finalmente affrancato dalla spettro di sempre Tom Brady, battuto 26-16 con una prestazione da Mvp l'altro ieri. Dall'altra parte ci sarà il cinematografico cornerback Richard Sherman protagonista della giocata che ha permesso l'intercetto sul finale della sfida contro i 49ers del disattento Colin Kaepernick - 3 turnover decisivi.

Il Super Bowl XLVIII è stato definito "di New York", anche se si gioca nel New Jersey. Saranno contrapposte davanti al sindaco più progressista d'America De Blasio, le squadre degli Stati che in termini di diritti individuali hanno aperto il 2014 con le iniziative più estreme (e progressiste): Jay Inslee per lo stato di Washington e John Hickenlooper nel Colorado, sono i nomi dei due governatori - democratici e progressisti - che hanno scelto di legalizzare l'uso della cannabis a scopo ricreativo (dal 1 gennaio di quest'anno).

Durante l'half time show, come annunciato ci sarà Bruno Mars, ma sembra che - lo scriveva già il Los Angeles Times la scorsa settimana - ci saranno anche i Red Hot Chili Peppers (anche se appare improbabile al momento una specie di duetto). Calma a festeggiare, perché stando a quanto riportato dal LAT, la scelta di chiamare i Red Hot sarebbe dovuta all'esigenza di soddisfare anche il pubblico "meno giovane" - ebbene sì, sic!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie