Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 14 gennaio 2014

Renzi’s gamble is a dice worth rolling

Si intitola così l'editoriale con cui il Financial Times parla del piano lavoro ("Job act" come lo stanno chiamando tutti) di Renzi.

«Né la destra né la sinistra ha mostrato molto appetito per affrontare gli interessi costituiti che dominano l'economia sclerotica Italia» è una delle frasi della premessa - tanto per capirci su come procede il resto. Non è molto vero che, come molti hanno corso a scrivere ieri, il quotidiano inglese "plaude" al piano di Renzi - o cose del genere - in modo indiscriminato. Il Financial Times plaude a quello che potrebbe essere, ma è molto scettico - seppur individuata come unica speranza - sull'applicabilità delle riforme. (Tra l'altro arriva anche a citare la possibilità che si tratti di uno stratagemma per spiazzare il governo ed andare a nuove elezioni - «his proposal is a cunning political ploy, aimed at creating a split in the government in the hope of triggering an early election»).

Particolare attenzione viene posta invece sulla flessibilità del mercato del lavoro, contenuta nella proposta del segretario Pd: «L'aspetto più interessante della proposta riguarda la sua volontà di rendere il mercato del lavoro in Italia, più flessibile per i neo assunti. Con il sistema attuale, i datori di lavoro sono riluttanti a dare ai giovani italiani contratti a tempo indeterminato in quanto temono che sarà impossibile dismiss them if they do not perform». (Da notare che gli inglesi se ne fregano delle menate sull'articolo 18).

Nota ulteriore: Scrive il Financial Times a proposito del partner politico del Pd al governo: «un gruppo di estrema destra guidato da Angelino Alfano, vice primo ministro».


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie