Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 21 gennaio 2014

La burocrazia in Siria

E così mentre escono le immagini delle torture riservate da Assad a circa 11 mila oppositori - immagini forti raccolte in un dossier realizzato da 3 investigatori che hanno vagliato le oltre 50mila foto scattate da «Caesar», un fotografo-disertore dei servizi di sicurezza siriani, pubblicate in esclusiva da CNN e Guardian - il presidente ha annunciato di non escludere la propria ricandidatura («Non vedo ragioni per non partecipare se c'e' un desiderio pubblico. In breve, possiamo dire che le possibilità di una mia candidatura sono significative» ha dichiarato) alle elezioni che si terranno nel Paese il prossimo giugno.

Intanto l'aereo con la delegazione siriana diretta a Montreux per l'appuntamento di domani - quando avranno inizio i cosiddetti colloqui di pace "Ginevra-2" - è bloccato all'aeroporto Elefterios Venizelos di Atene: fonti del ministero degli Esteri greco, hanno riferito all'Ansa che la società che fornisce il carburante, teme che il rifornimento del Tupolev che trasporta i delegati del governo siriano, possa essere considerato una violazione delle sanzioni internazionali contro Damasco. Un inghippo diplomatico e burocratico, che sarà probabilmente risolto con un documento da parte del governo greco, tale da attestare la "via eccezionale" dell'operazione, permettendo alla società di carburante di non subire multe.

L'Onu ha nel frattempo ritirato l'invito a partecipare all'incontro, che era stato inoltrato all'Iran. La notizia non è state presa bene a Teheran, con il viceministro degli Esteri, Abbas Araghcì, che ha commentato alla tv di Stato: «Tutti sanno che senza l'Iran le possibilità di una vera soluzione in Siria non è poi così grande. Una soluzione globale non potrà essere trovata se tutte le controparti influenti non saranno coinvolte nel processo». Aggiungendo: «Eravamo pronti a partecipare alla conferenza di "Ginevra-2" e a giocare il nostro ruolo, ma non accettiamo condizioni preventive» che impongano «una soluzione con parametri definiti» ha detto Araghcì riferendosi implicitamente alla richiesta di accettazione del comunicato di "Ginevra-1".

Scelta presa «sotto pressione» ha detto il capo della diplomazia iraniana Zarif; «Uno sbaglio ma non una catastrofe» ha replicato l'omologo russo Lavrov. La decisione è arrivata ieri sera, il motivo sarebbe legato - secondo quanto riportato dal portavoce dell'Onu, Martin Nesirky -  alla delusione con cui Ban Ki-moon ha accolto la decisione della Repubblica Islamica di non sottoscrivere i principi della prima conferenza di pace di Ginevra - termini su cui si baseranno i nuovi incontri e che in precedenza l'Iran aveva dichiarato di sostenere. Anche se a detta di molti, le motivazioni sarebbero effettivamente da ricercare nel pressing fatto dai governi occidentali, americano, e francese e inglese, su tutti.

Il ritiro dell'invito all'Iran, apre la strada alla partecipazione dell'opposizione siriana in esilio.

Niente è semplice sulle questioni siriane: alle atrocità del conflitto, si sovrappongono spesso circostanze diplomatiche e burocrazie che rallentano e squilibrano i difficili percorsi verso l'impellente risoluzione. Il caso delle armi chimiche, resta da paradigma.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie