Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 16 gennaio 2014

Et voilà, Salvini incontra Le Pen

Come da previsioni, Marine Le Pen - la forte leader del Front National, ultra destra francese checché se ne dica - ha individuato l'alleato italiano, per quella che si prevede come la trionfale campagna elettorale alle prossime elezioni europee, in programma per maggio: la Lega.

Mentre oggi è andata in scena l'occupazione dell'ufficio del presidente del Senato Grasso, da parte di alcuni senatori leghisti, ieri Matteo Salvini - europarlamentare e segretario del partito - ha incontrato ufficialmente Le Pen a Strasburgo, cogliendo l'occasione per difendere l'iniziativa con cui la Padania ha deciso di segnalare (seguire, tracciare) i prossimi appuntamenti dell'odiato (da loro) ministro Kyenge.

Diritto alla critica, è la difesa.

Salvini ha detto: «Noi seguiremo giorno per giorno gli esponenti del governo per spiegare ai nostri lettori cosa fanno. Se qualcuno vuole usare il bavaglio del razzismo o dell'anti-islamismo nei confronti di chiunque dica no ad una immigrazione incontrollata, allora noi, la Le Pen, gli olandesi, gli austriaci facciamo fronte comune per dare voce a gente che non è razzista ma vuole solo stare tranquilla a casa sua».

"Fronte comune", si diceva già.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie