Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

sabato 4 gennaio 2014

Con la contraerea

Mentre tutti i giornali italiani (Messaggero, Giornale, Fatto Quotidiano, Tempo, Repubblica) - escluso il Post e il CorSera (che prima ha dato la notizia per non restare indietro, poi ci ha ragionato) - continuano a tenere il racconto secondo cui Chang Sung-taek, zio di Kim Jong-un, condannato a morte dal nipote, è stato fatto sbranare, nudo, da 120 cani affamati, sulla vicenda emergono nuove rivelazioni.

Non si tratta dell'inaffidabilità della notizia, questione su cui s'era già detto e che solo qua da noi non aveva trovato sufficiente spazio e adeguate riflessioni - il giornale hongkoghese Wei Wa Po (finito in un sondaggio al 19esimo posto su 21, per affidabilità ad Hong Kong) aveva già dato la notizia il 24 dicembre ma nessun media internazionale se l'era filata.

La questione è un'altra: secondo alcune fonti citate dal New York Times (sulla cui credibilità non c'è da discutere troppo), sembrerebbe che l'esecuzione sia avvenuto per fucilazione, sparandogli con un cannone da contraerea!

Scaldate i titolisti!

(Poi vediamo se è vero, come dice anche il Nyt).

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie