Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 13 dicembre 2013

Uno su due ne sbagliano

Il 10 dicembre un attacco drone statunitense ha colpito un veicolo che viaggiava nella zona di Hadramawt, Yemen centro orientale, uccidendo tre persone, a quanto sembra tutte affiliate alla cellula locale di al-Qaeda.
Il 12 dicembre, un altro attacco drone - a quanto sembra - ha colpito invece un gruppo di veicoli che si stavano muovendo in direzione di un banchetto nuziale, vicino alla città di Radda nella provincia di al-Bayda, una nota roccaforte di al-Qaeda. Sono morte più di dieci persone (BBC dice 13, Reuters 15).

Stante alle notizie giunte finora, gli uccisi sarebbero un gruppo di civili: e dunque l'attacco avrebbe avuto un esito fallimentare, con obiettivi errati. Gli Stati Uniti, che utilizzano i droni come strumento di appoggio all'esercito yemenita nella lotta all'attivissima AQAP (al Qaeda nella Penisola Araba) operante in Yemen, hanno deciso da tempo di non commentare in via ufficiale le singole operazioni.

I due interventi sarebbero legati al grosso attentato di giovedì scorso (il 5), che ha ucciso 52 persone nella capitale Sann'a, davanti al ministero della Difesa, e che è stato rivendicato proprio dall'Aqap.



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie