Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 23 dicembre 2013

Perché il XXI secolo sarà ancora americano

L’America è «il maggior laboratorio di idee del pianeta», una nazione di «incontenibile vitalità», «un motore di cambiamento in grado di condizionare nel bene e nel male altri Paesi e popoli». Sono alcuni passi dell'ultimo libro di Maurizio Molinari, corrispondente americano della Stampa - il migliore degli inviati italiani negli States, senza ombra di dubbio.

Il libro si intitola "L'aquila e la farfalla" (Rizzoli, 170 pagine). Il titolo di questo post è il sottotitolo del libro, e sarebbe già quel che basta per affrontare la discussione. L'ho appena finito di leggere: scritto molto bene, chiaro e diretto, affronta questioni molto più grandi di ognuno di noi - forse anche di Molinari - in modo efficace e interessante, anche per chi non è malato di America e di questioni internazionali. Ragion per cui, se non avete ancora finito i regali per dopo domani, questo libro è un'ottima idea. 

Il "sentimento declinista" attorno agli Stati Uniti, è forte e diffuso, avvalorato anche da una non sempre lucida gestione politica dell'Amministrazione Obama. Tuttavia secondo Molinari l'America vive periodicamente delle fasi cicliche - come quella che sta vivendo adesso - di ricostruzione e preparazione, che però alla fine la riportano sempre ad essere il motore di spinta, il riferimento, di tutte le altre democrazie del mondo.

Ci sono una decina di «percorsi», che possono farci capire come il destino del prossimo futuro, sia tutto targato "America": si va dalla sharing economy, alla information technology, e poi gli shale gas e l'indipendenza energetica, la democrazia digitale dei big data, la libertà (anche e soprattutto su internet), le guerre segrete e la supremazia strategica, il modello di società post-razziale e i grossi passi verso una riforma dell'immigrazione, il rispetto per le minoranze, per i gay, per i diritti civili, il lavoro di riorganizzazione urbanistica e la sfida sul clima.

Cose di cui in questo blog si è parlato spesso, anche sottolineando le incoerenze tra una non ottima Amministrazione (con un presidente completamente perfettibile), e la spinta forte, potente, continua, che arriva dal resto della società su tutti questi temi. 

Insomma, anche per gli anni a venire, si potrà continuare tranquillamente a dire: "soffortillammericani!". (E i numeri del Pil, che cresce del 4,1% , sembrano già sottolinearlo).

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie