Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 26 dicembre 2013

La realpolitik di al Qaeda

Sorprende il pragmatismo - lontano, abbastanza, dal fanatismo - del leader della milizia qaedista al Nusra, impegnata in Siria contro il regime di Assad. In un'intervista scoop ad al Jazeera, Abu Mohammend al Golani (o Joulani, o Jowlani), ha risposto alla domande (in arabo) del giornalista Tayseer Allouni con lucidità, dimostrando la chiarezza programmatica delle propria azione - «Jabhat al Nusra non vuole governare la Siria. Ma vuole che la legge islamica governi la Siria» ha detto -, sottolineando che quella a cui ci si trova di fronte, è la nuova versione (intelligente) di al Qaeda.

Più pragmatica di sicuro: «Siamo qui per aiutare la ribellione contro Assad. Noi diamo alle gente tre cose necessarie, sicurezza, cibo e assistenza medica. Abbiamo distribuito 800 tonnellate di farina nelle zone liberate, abbiamo anche messo in funzione dei centri di dialisi per i malati», ricorda.

E distingue la propria esistenza da quella dell'Isis (Islamic State of Iraq and Levant), gruppo parallelo - anche per radici e riferimenti ideologici - ma che è ancora legato a pratiche più old style (e per questo in contrasto con la "policy" di al Nusra):  esecuzioni e decapitazioni in pubblico, occupazione delle chiese, dichiarazioni sulla guerra contro Assad come "prima tappa di una più ampia campagna di conquista islamica".

La consapevolezza che qualcosa in Siria stia cambiando, c'è anche nelle parole di al Golani: «Il sentimento generale è ora molto più favorevole all’islam, il paese è cambiato da com’era prima della rivoluzione».

È la prima volta che al Golani concede interviste in pubblico - sebbene a volto coperto. Al Golani, per quello che si conosce, è un personaggio misterioso, ossessionato dal controllo della propria sicurezza (Allouni ha raccontato che le regole a cui ha dovuto sottostare per condurre l'intervista, sono state più severe di quelle con Bin Laden: e l'intervista la fece nell'ottobre del 2001, un mese dopo le Torri Gemelle). Al Golani sarebbe stato un intimo collaboratore del giordano ex capo di al Qaeda, al Zarqawi (morto nel 2006).








Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie