Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 23 dicembre 2013

Jesus Joint

Un paio di giorni fa sul Guardian è uscito un articolo che racconta come, secondo uno studio sui testi sacri pubblicato questo mese, Gesù sarebbe stato quasi certamente un consumatore di cannabis. E anzi, aggiunge, che la cannabis è stata usata per effettuare guarigioni miracolose.

Nell'articolo si fa riferimento ad una altro, pubblicato su High Times - rivista nata negli anni settanta con il fine di promuovere la legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati - e scritto da Chris Bennett, nel quale si sostiene che nell'olio dell'unzione (e pure nell'incenso) utilizzato da Gesù, ci sarebbe un ingrediente (kaneh-bosem, il nome ebraico) che altro non sarebbe che estratto di cannabis.

Ad avvalorare la tesi, le parole di Chuck Ruck, professore di mitologia classica alla Boston University, che ha sottolineato che «non ci sono dubbi sull'uso di cannabis nella tradizione della religione ebraica».

Secondo la tesi, la sostanza - che attualmente viene fumata o inserita nella preparazione di piatti - avrebbe ottimi effetti curativi per le malattie della pelle e degli occhi, anche quando utilizzata sotto forma di oli da assorbire attraverso i pori.

E dunque, chiude e sostiene Bennett, che andare contro l'uso della cannabis è come andare contro le radici del cristianesimo. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie