Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

domenica 24 novembre 2013

L'accordo sul nucleare iraniano è stato raggiunto

L'abbraccio di Kerry e Ashton. (Foto Al Jazeera)
Dopo quattro giorni di trattative è stato raggiunto l'accordo sul nucleare iraniano. Lo ha annunciato a notte fonda il portavoce del capo della diplomazia Ue, Catherine Ashton. Per le trattative c'erano tutti: erano corsi a Ginevra, oltre che il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif, anche gli altri pari ruolo del 5+1 (Stati Uniti, Cina, Regno Unito, Francia, Russia, e la Germania).

L'accordo prevede, secondo fonti di Washington, lo stop dell'arricchimento dell'uranio per scopi bellici - fermando il reattore ad acqua pesante di Arak - e il diritto al nucleare civile per l'Iran, oltreché l'accettazione di un più rigido sistema di ispezioni internazionali. Nelle quattro pagine dell'accordo ce ne sarebbe anche una dedicato la sospensione delle sanzioni - gli Stati Uniti si sarebbero impegnati a fornire aiuti economici all'Iran per 7 miliardi di dollari - e lo sblocco di fondi iraniani investiti in banche estere, che il Dipartimento del Tesoro aveva nel tempo congelato (fondi appartenenti al "tesoro di Khamenei").

Secondo le prime dichiarazioni di fonti iraniane invece, l'accordo non porrebbe vincoli sull'"uso" del nucleare, e non richiederebbe la chiusura di nessun impianto. Washington aveva smentito con la diffusione degli estremi più stringenti, e così Zarif ha recuperato sottolineando che «il diritto all'arricchimento è stato riconosciuto nelle sezioni sugli "obiettivi" e nel "passaggio finale" dell'accordo in tre parti, firmato stanotte». Insomma la guerra diplomatica è continuata anche dopo la ratifica.

Soddisfazione del presidente Obama, anche se dalla Casa Bianca ha dichiarato che «c'è ancora molto da fare»; di parere opposto il premier israeliano Netanyahu che ha dichiarato «il mondo è più pericoloso, perché il regime più pericoloso ha compiuto un passo significativo in avanti verso l'arma più pericolosa».

A Teheran il presidente Rohani ha rilanciato la notizia dell'accordo con un tweet in cui ha scritto «Il voto del popolo iraniano per la moderazione e l'impegno costruttivo e gli instancabili sforzi da parte dei team negoziali apriranno nuovi orizzonti». Rohani per le ore successive alla fine dei negoziati è stato molto attivo su Twitter .



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie