Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 18 novembre 2013

Cosa sta succedendo a Parigi

Stamattina intorno alle dieci e un quarto un uomo si è introdotto nella sede del quotidiano Liberation (ne avevo scritto per Tpi), nel terzo arrondissement a Parigi, e ha aperto il fuoco ferendo gravemente un fotografo - colpito al petto.

L'uomo è poi fuggito senza essere fermato ed identificato, ma un paio di ore dopo sembra che abbia sparato nuovamente dei colpi di fucile a pompa davanti alla Societé Générale alla Défense, senza però fare alcun ferito. Poi, secondo alcune testimonianze, avrebbe preso un ostaggio e si troverebbe ora sugli Champs Elysées e avrebbe con sé una borsa con dentro delle bombe a mano.

La situazione è in evoluzione, dalla corrispondenza degli identikit sembra che si tratti della stessa persona nei tre luoghi, ma per il momento non si sa chi sia.  Secondo Gotchaux Delphine, giornalista di France Info, l’uomo che ha sparato avrebbe una quarantina d’anni, capelli corti e indosserebbe un cappotto lungo verde, con sotto probabilmente un giubbotto antiproiettile. La polizia ha isolato l’accesso alla strada che porta all’edificio della sede di Libération, e allo stesso tempo sta controllando gli edifici di altri quotidiani francesi con sede a Parigi, tra cui Le Monde, Figaro, e Les Echos

In questi ultimi minuti sembra che l'uomo possa aver preso la metropolitana, facendo perdere - momentaneamente - le proprie tracce.

Per seguire gli aggiornamenti c'è il sito di Liberation e quello di Le Monde; in italiano il Post sta coprendo la notizia live, così come Stefano Montefiori, il corrispondente del CorSera a Parigi, sta facendo su Twitter.

(Per chi fosse interessato, a lato i miei tweet che stanno seguendo quello che succede, o altrimenti seguire direttamente il mio account)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie