Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

sabato 21 settembre 2013

Selfie diplomacy

Selfie diplomacy
In primo piano Alice Sheffield, figlia del baronetto Sir Reginald Sheffield, oggisposa in quel di York. Sullo sfondo suo cognato, il premier inglese David Cameron. (Che dorme, a piedi scalzi su un letto, cosa - il fatto che dorma e ha piedi scalzi -che ha suscitato gran chiacchiericcio e non si capisce bene il perché). A fianco all'uomo che dorme, rossa, perfettamente abbinata allo rossetto di Alice, la famosa borsa portadocumenti che quello stesso uomo aveva lasciato incustodita durante un viaggio in treno - e che gli costò il soprannome di Dozy, (by Daily Mirror) - e "che adesso non molla nemmeno quando dorme". Si tratta di una valigetta ufficiale con tanto di stemma del governo (una delle mitiche "red box"), con ogni probabilità contente altrettanto ufficiali documenti, di chissà che cosa - magari addirittura rapporti segreti dell'intelligence sulla Siria, qualcuno ha supposto. In Gran Bretagna c'erano state polemiche sul fatto che Cameron si era allontanato dalla briefcase per andare a mangiare, "lasciandola tutta sola" sul tavolo del treno per York (che lo avrebbe portato al matrimonio della cognata), alla mercé di chiunque volesse aprirla - c'erano anche le chiavi attaccate.

Poi la foto: la diplomazia ai tempi Instagram. Se è studiata, è l'eccellenza della comunicazione politica contemporanea. Come a dire, "la tengo talmente vicina che non me ne separo nemmeno quando dormo".

Update 25/09: per dovere di cronaca, diciamo. La foto pubblicata da Emily Sheffiled, sorellastra di Alice della moglie di Cameron Samantha, è stata poi cancellata. Emily ha poi scritto a proposito su Twitter: "Ok, sono l’idiota del giorno. Per la cronaca avevo 8 followers quando ho pubblicato la foto, tutti parenti e amici, e poi mi sono dimenticata di cancellarla". Quindi, forse, non è voluta. Forse - perché forse è studiato anche tutto il resto.


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie