Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 11 luglio 2013

Grazie a Dio è arrivato

Il mio post di stamattina sulla questione sospensione lavori parlamentari su richiesta Pdl, parlava di una necessità l'accettare la richiesta, un buon gesto che in fin di conti non era un dramma. Parlava di una strumentalizzazione politica che ci stava dietro, soprattutto da parte del M5S ma anche da parti del Pd - diciamocelo chiaramente - e parlava soprattutto della necessità di avvicinare queste decisioni alla gente. Che è quella che conta, molto più di qualche malpancista o di qualche situazionista. Si intitolava "Basta di prendersela sempre con il Pd" che come titolo mi era sembrato semplice e diretto, quanto programmatico.

Non ho l'ardire di pensare che anche grazie a spazi come questo e a quello che in questi spazi si respira, si sia riusciti a dare dinamicità alla macchina comunicativa del Pd - anche se ne sarei sicuramente lieto e fiero. Sicuramente è invece grazie a chi #adesso sta dietro a quella macchina comunicativa - inutile non fare il nome del responsabile comunicazione in segreteria, Antonio Funiciello, persona eccezionale davvero - che certe cose cominciano a risolversi con la chiarezza e la schiettezza richiesta.

Zanda e Speranza, i capigruppo a Camera e Senato, hanno diffuso uno statement chiarissimo(che riprendo da Europa), che condivido appieno e che credo sia una boccata d'aria fresca. Bene!

Care democratiche, cari democratici,
molte bugie e falsità si stanno diffondendo su ciò che è stato deciso ed è accaduto ieri. E’ bene dunque chiarirlo. Dopo l’annuncio della Cassazione che ha fissato il giudizio sul processo Mediaset al 30 luglio, ieri Il Pdl ha chiesto tre giorni di sospensione dei lavori parlamentari. Il Pd si è opposto, perchè questa richiesta era inaccettabile. Cosi come si è opposto alle richieste di sospensioni di due giorni o un giorno dei lavori. A questo punto il Pdl ha richiesto di poter riunire i gruppi parlamentari della Camera e del Senato, nel tardo pomeriggio, dopo il question time del presidente Enrico Letta alla Camera.
Analoghe richieste, fatte anche dal Pd e dagli altri gruppi parlamentari, sono sempre state accolte. Se ne è discusso nelle presidenze dei gruppi parlamentari del Pd al Senato e alla Camera. E in entrambi i casi, considerati anche i precedenti e la consuetudine, si è acconsentito.
Far passare questa decisione come un piegarsi del Pd alla volontà del Pdl di protestare contro le decisioni della Cassazione è contro la verità. E’ una speculazione politica e una provocazione che si lancia in un momento particolarmente difficile della vita del Paese. Lo dimostra anche il fatto incontrovertibile di un Parlamento regolarmente al lavoro.
Il Pd ha una posizione chiara: non si possono mischiare le vicende giudiziarie personali con la vita del governo. Le sentenze, come ha chiarito il segretario Epifani, si rispettano e si applicano. Su queste posizioni non vi possono essere dubbi, cosi come non ve ne devono essere sulla fermezza del partito: noi abbiamo deciso di sostenere il governo di servizio, l’unico possibile dopo che Grillo e il Movimento 5 Stelle hanno deciso di non utilizzare il consenso popolare ottenuto per un governo diverso. Con lealtà sosteniamo il governo di servizio per realizzare il programma indicato dal presidente Letta: affrontare l’emergenza economica e fare le riforme.
Ma non abbiamo paura e siamo pronti ad ogni evenienza. Non consentiremo al Pdl di giocare con la vita del Paese.

Roberto Speranza e Luigi Zanda

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie