Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 6 giugno 2013

Obama c'è ricascato

Sul The Guardian oggi, c'è un super scoop che smaschera l'NSA. Sembrerebbe infatti, che la National Security Agency stia da un po' utilizzando ogni giorno dati telefonici di milioni di americani abbonati alla Verizon (che è uno dei principali gestori di servizi di telefonia).

È sicuramente un pastrocchio, un altro come se non bastasse quella roba di AP dell'altra volta. Gli Usa stanno già in subbuglio: lì, si sa, la libertà è qualcosa di genetico che viene prima d'ogni altra cosa. Anche qua da noi - e nel resto del mondo - ci si comincia già chiedere come potrà Obama spiegare quest'invasione nella privacy dei suoi cittadini.

Il punto, per me, non è proprio questo. Perché è vero sì, che il fatto è grave e che andrà spiegato - soprattutto se contestualizzato negli States, luogo in cui certe cose non sono affatto ben digerite, come dicevo prima - ma c'è dell'altro. Per me quello su cui dovrà spendersi Obama, non è tanto lo spiegare che il principale organo di sicurezza interna statunitense fatto di funzionari e spie, stia spiando e raccogliendo informazioni dalle attività giornaliere degli statunitensi. No: il punto, più importante e grave, è chiarire il come mai certe attività arrivino alla bocca dei media con tanta facilità. Incontinenza che male si sposa con la sicurezza.

Negli Usa, forse, esiste solo la tematica della sicurezza che può far venire meno, leggermente, il valore della libertà. Ma se un sistema che vìola le libertà individuali per ragioni di controllo - di sicurezza, appunto - ha falle e perdite, allora significa che non funziona e che non è sicuro. E spendere la libertà per qualcosa che non funziona, mettendo a rischio esponenziale proprio quella libertà spesa - le intercettazioni potrebbero finire anche in mani sbagliate - raddoppia il problema. Ed è il passo successivo e più complicato.

Questo è secondo me il punto vero: non tanto di dar conto alle intercettazioni, perché si sa che negli Stati Uniti, con il terrorismo e la sicurezza della repubblica, si può giustificare tutto e di più.

Nota divulgativa: c'è una importante questione di scelta lessicale, sulla quale ero caduto - disattento - anch'io. Non si tratta di "intercettazioni", ma di "analisi di dati" telefonici. Sono stati utilizzati metadati che non identificano esattamente gli interessati - come succede con le intercettazioni - ma lasciano spazio. Infatti numeri telefonici, codici identificativi dei telefoni, orario e durata delle chiamate, non sono identificativi dei soggetti. Si chiama alegality, che significa agire in un contesto di fondo non legale, ma sfruttando buchi della legislazione.


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie