Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 7 giugno 2013

PRISM

Nella notte è uscita una lunghissima inchiesta del Washington Post, che agganciandosi alla vicenda della telefonia (di Verizon) rialza il carico. Ma la questione è grossa, tanto che la roba del The Guardian rischia di passare subito in secondo piano. Anche se sembra ovvio il collegamento, quanto meno giornalistico: senza l'inchiesta del giornale inglese il WP forse avrebbe tenuto ancora un po' in cassetto l''inchiesta, temendo che pubblicarla sarebbe stata una questione troppo vicina ad intaccare la sicurezza nazionale. Forse.

Fatto sta che esisterebbe un super-programma - che doveva essere supersegreto - che si chiama Prism che raccoglierebbe i dati dai server di diverse compagnie: tra queste Google, Aol, Facebook, Yahoo!, Apple e altre. Si tratterebbe di analisi su email, conversazioni, condivisioni (foto, video, audio), private fatte da privati cittadini non sottoposti ad inchieste giudiziarie.

      questa è l'home page del The Huffongton Post
di oggi 07/06/2013
(della foto Christian Rocca ne parlava già).

La questione si ingrossa, dunque, e tutto il mondo adesso ne parla. Non è ancora chiaro del tutto, se ci sia un accordo tra il governo Usa e le società, se il governo (Nsa e Fbi) abbiano acceduto senza richiedere permessi, o se quell'eventuale accordo fosse frutto di un forzatura (una specie di ricatto) fatto dalle agenzie governative alle società stesse, un po' come dire che "se tu mi dai il permesso di sbirciare i tuoi server, io mi ricorderò della tua amicizia in altre occasioni".

È ovvio che la tematica della sicurezza, del controllo della privacy e delle falle nel sistema, su cui si reggeva il post di ieri (sopra il link), sia questione assolutamente in piedi e anzi incrementata dai nuovi fatti. Oltretutto, siccome si tratta di dati internet che hanno transitato per gli Stati Uniti, la cosa riguarda più o meno tutti quelli che negli ultimi sei o sette anni (Prism è del 2007), hanno navigato. E non tutti gli statunitensi, tutti nel senso dei cittadini di questo mondo.

Dal trambusto alcuni dei principali link sulla discussione.



Link:
Federico Guerrini (La Stampa) sull'alegality
Sul Washington Post (articolo più importante di tutti) si va oltre il caso Verizon: ecco Prism, software dell'Nsa supersegreto che controlla i dati nei server internet
- Sul pezzo il Wall Street Journal
Maurizio Molinari (La Stampa) spiega Prism
- Il pezzo de Il Post
Un post interessante di Massimo Mantellini
Camilloblog
- Che cosa sappiamo e non sappiamo sui controlli (dal The Atlantic)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie