Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 2 maggio 2013

Telefunken

Sette gol senza nemmeno prenderne uno. Game, set, match: senza storia è stata Barça - Bayern Monaco.
La fine dell'egemonia blaugrana segna la fine della leadership europea del calcio spagnolo - anche se i più scafati è da un po' che ne parlano - perché a quella batosta si abbina quella del Real. Schiantato contro il muro giallo del Borussia Dortmundt, con la futile speranza nel gozzo degli ultimi minuti.

Il Bayern e il Borussia sono realmente le due squadre più forti in circolazione: organizzazione tattica e preparazione fisica assoluta. Intelligenza calcistica abbinata all'arte: già, perché non c'è da aspettarsi il rigore tedesco, lo schematismo germanico, e basta. Bayern e Borussia giocano il calcio-spettacolo. Non godono di grandi potenziali personali: chi sono Lewandowski e Gomez, davanti a Ronaldo e Messi? Ma l'organico funziona alla grande, tanto da far brillare stelle e stelline che altrove hanno trovato meno fortuna (Robben, per dire). 

Pochi passaggi, leziosismi e giocate solo quando serve, non significa dimenticare la bellezza del gioco. Non serve il tiqui-taca. Vedere giocare le due tedesche è emozionante. Quell'emozione per una partita giocata in modo perfetto, sia sul piano della concretezza, così come su quello dello spettacolo. In Italia ci siamo dimenticati di certa roba.

La finale è la rivincita della meritocrazia. 

Solo una cosa mi spaventa, e gira intorno a quella spiccata propensione tedesca (e la storia può confermarmi) a voler dominare il mondo. Perché adesso, temo, che dopo la Merkel, toccherà a Beckenbauer dirci quel che tocca fare - per campare.  

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie