Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 11 marzo 2013

La democrazia non è in vendita

Ho paura, che tutto quello che sta succedendo intorno al Movimento 5 Stelle, al Partito Democratico e alla necessità nazionale di trovare una via politica per creare un Governo, faccia passare sotto traccia la "questione De Gregorio". Premetto che ricordo i fatti, e so che De Gregorio, ha rappresentato solo un sasso tolto a quella debole diga, che permetteva al Centro-Sinistra di arginare l'instabilità del proprio governo.
E poi so che è tutta una cosa da verificare, d'accordo, ma fin qui c'è una testimonianza diretta. Testimonianza non di uno che passava  per caso ed ha visto qualcosa: testimonianza del diretto interessato, che sebbene abbia "cantato" rischia di essere punito anch'egli. 
E poi c'è la storia di Berlusconi, che (prima cosa) non è poi più molto appetibile per i media e ancora (seconda cosa) ci sono alcuni, come il mio per esempio, che preferiscono non parlarne.
Temo che tutta questa contemporaneità di situazioni coesistenti, dicevo, rischi di far passare come naturale, o poco importante (non so qual è peggio), come una delle solite, come un di quelle, come un baco del sistema repubblicano italiano, come una scilipozia qualsiasi. Che il Presidente di un partito politico di opposizione, paghi dei senatori di maggioranza, per togliere l'appoggio al governo - e quindi farlo cadere e quindi andare a nuove elezioni e quindi far campagna elettorale sull'incapacità di quelli appena "caduti" di reggere le sorti del Paese - può avere tutti gli estremi per rappresentare un golpe, un colpo di stato. 
Tutto questo è inconcepibile, è vergognoso ed è gravissimo.
Gravissimo: la democrazia non può essere comprata, con nessun genere di moneta. 
Da qui si deve ripartire, per cancellare tanto del marcio passato. Finché questa, che passava come prassi più o meno consolidata (a quel che si apprende, almeno), non verrà cancellata dalla testa degli italiani, non ci saranno rivoluzioni elettorali che reggono. 
Dire certe cose, non significa andare contro Berlusconi (sebbene implicitamente sia così). Significa andare contro un modo di vivere e pensare - spesso definito "berlusconismo" - al quale noi italiani abbiamo comodamente ceduto: oziosi, indulgenti, lassisti, permissivamente concussi e collusi.

Update: adesso che hanno fatto il sit-in, di sicuro il rilievo mediatico sarà maggiore, ma tutto intorno a Berlusconi e poco intorno al succo, e cioè quell'assurdità di pensare che tutto possa essere in vendita: la dignità come la Democrazia. 

Update2: ho detto che non volevo entrare nel merito dei fatti e non lo faccio, ma stasera De Gregorio intervistato al TG di La7, praticamente ha detto che lui aveva chiesto 1 milione per la sua associazione, poi gliene hanno dati altri 2 in nero ed è rimasto un po' stupito. Allora la giornalista gli ha chiesto:"e lei?", risposta "io li ho presi!". In pratica lui ci sta dicendo che, avendo visto che il Governo Prodi era in crisi, "il peggior governo della storia d'Italia, lui ha fatto a pagamento una cosa che avrebbe fatto gratis - togliere la fiducia. E continua dicendo che avendo commesso dei reati, ma avendo avuto il coraggio di ammetterlo, è stato forte.



2 commenti:

  1. Ci spero poco!
    E' da tempo immemorabile che in Italia si praticano corruzione e concussione, quindi abbiamo scoperto l' acqua calda, (la storia d' Italia ne è piena di casi simili).
    Se pensate che questo malcostume finisce qua, vi sbagliate; occorre cambiare la mentalità, che è più difficile e di tempi lunghi; speriamo nelle generazioni future, perchè questi farabutti che mal-governano il paese non andranno via facilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Infatti io parlo di cambiare la mentalità!

      Elimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie