Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 28 febbraio 2013

Bomba al piede

Che l'Italia è in una situazione d'ingovernabilità, ormai l'avete sentito dire anche al gatto. Lo sappiamo scientificamente e numericamente, ce lo siamo somministrato, quasi quasi lo stiamo sedimentando. 
È un Paese con una memoria cortissima, il nostro: quello che è successo appena lunedì, sarà presto cancellato dai luoghi del weekend che sta arrivando e dal solito casual friday che porterà i toni e i temi della discussione, verso sponde più easy. D'altronde il casual friday è italian, mica turkish!?!
Passando oltre la critica di costume, che accompagna con piacere i miei ragionamenti (ma l'antropologia è in noi, che ci volete fare!?), lancio la bomba, a salve. Al piede, come una palla.
Lo scenario politico è vasto, un paio di simulazioni l'ho già scritte ieri: ma la notte porta consiglio. Ed il calare delle tenebre, ha insinuato in me una lugubre, quanto possibile soluzione.

GRILLO (o chi lui vuole, il capo è lui!) AL GOVERNO. IL PD APPOGGIO ESTERNO.


Tanto se sconfitta dev'essere, meglio un mea culpa completo, carte sul tavolo e via andare. I voti del Partito Democratico garantirebbero l'appoggio politico (perché quello è necessario, checché ne pensino i grillini) al M5S, che formerebbe il governo e dunque guiderebbe l'Italia fuori dal baratro. Si intravede il mio scetticismo, ma siccome credo che per quanto fantomatica possa essere una proposta concreta, o meglio possibile, vado avanti.
Analizzo il PD, per primo. La sconfitta elettorale, anche se non nei numeri c'è stata: su via, sarà la decima volta che lo dico. Quindi non serve tenere in mano ancora le armi: anche perché le lance sono spuntate, le mani mutilate. Allora in questo modo, forse si salverebbero capre e cavoli: e con capre intendo il partito ed i suoi diretti rappresentanti, e con cavoli intendo gli elettori, tutti. Il partito si salverebbe perché finalmente potrebbe dimostrare di ascoltare realmente la voce della gente. Perché comincerebbe a parlare il linguaggio della società (civile) e non quello dei politici (con la moderna accezione negativa, intendo). Gli elettori si salverebbero, perché in-cavolati come sono, il rischio al prossimo giro è di perderne ancora più.
Passando a Grillo e M5S, sarebbe un'ottima occasione per cominciare a far sul serio. Basta chiacchiere; rendere operative quelle "idee". E sarebbe un gran passo: un passo d'emancipazione e di crescita mostruoso.   Sarebbe il modo, vero e concreto, per ragionare e lavorare sulle "idee" stesse: meglio che "dal Governo", da dove?
Lo scopo sarebbe probabilmente a breve termine, magari per approvare qualche riforma di contenuto comune e/o di ampio respiro. Poi chissà? Ma poi si vedrà.
Ammesso, ma assolutamente non concesso, che il tutto possa avere piano di fattibilità e di confronto, scommetto anche su un paio di cose a corollario. La prima è che nessuno dei notabili che hanno affondato il Pd (e che hanno nome e cognome, D'Alema, Veltroni, Franceschini, Bersani e compagnia) potrebbe mai essere d'accordo. Hanno giudicato troppo Renzi: figuriamoci Grillo. Dall'altra parte, però c'è Grillo. Secondo me messo davanti questa opzione, rinuncerebbe. Non so, forse mi sbaglio. Ma credo che lui sa bene che è più facile l'opposizione dal Governo. Sarà, ma credo che inizierebbe menate del tipo che loro non accetterebbero il tozzo di pane (che in realtà in questo caso sarebbe un filone!), che non vogliono essere schiavi di nessuno, e via dicendo.
Il piano politico di Grillo è comprensibile, far passare come inconcludenti il Pd ed il Pdl, per straripare poi alle prossime imminenti (nel caso di sicuro) elezioni. Ma non è che in questo modo il bene dell'Italia, su cui M5S ha sempre basato i sui proclami, viene meno? Il costo, economico ma anche sociale, di nuove elezioni sarebbe sostenibile? Il rischio di  Übermensch grillino (stavolta nel senso "di Grillo"), della perdita di contatto con la realtà, del Nerone che brucia la sua Roma, è un altro scenario plausibile?
E poi, per concludere, se il problema fosse quello dell'affrontare il peso del Governo, che senso avrebbe quella strategia politica? Tanto alle prossime elezione, se vincesse con quei numeri a cui mira, la responsabilità morderebbe i talloni grillini, comunque. 
In definitiva, la soluzione del Grillo at the power potrebbe essere, dunque, perfino percorribile: premesso che per me rappresenterebbe la sconfitta assoluta, sono tuttavia in grado di comprendere il limite. Raggiunto. E sono altrettanto aperto a ogni tipo di condizione, se fosse davvero buona. Da lì al dire che sarà buona, ci corre però. 
E non so quanto valga la pena rischiare il bene dell'Italia...

Doveroso update serale: il fatto che la proposta la avanzi io, nel mio piccolo e modesto, anche in modo per certi versi provocatorio, è un certo conto. Se invece la proposta esce da un qualche notabile del Pd, allora denota un'assoluta inconsistenza, politica, di un intero partito che ormai a questo punto non è poi così azzardato definire alla sbando. #prenderlivivi (Timoteo Carpita)


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie