Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 4 maggio 2012

#iostocondeliorossi

Delio Rossi è uno che di faccia assomiglia a Braccio di Ferro, per me. Ha quelle guance gonfie in basso, verso le labbra, dalle quali ti aspetti che prima o poi esca una pipa. Cornice di un mento piatto come il lungo mare della sua Rimini. 
Adesso potrei dire, che picchia anche come Popeye, ma Delio Rossi è uno uomo bravo, dai non scherziamoci nemmeno, su questo: è uno che fino a qualche giorno fa, era preso a modello di allenatore padre-amico. 
Eppure ieri l'altro ha sclerato. È partito di testa perché un cretino, che non merita nemmeno d'essere nominato, l'ha prima mandato a quel paese e poi ha offeso lui, la sua professionalità e, peggio, la sua famiglia con le sue fragilità.
Fragilità umana: reazione violenta, sempre poco polite in TV. Sempre da tenere sotto giri di chiave di qualche porta: il gesto manesco è follia. Forse, di sicuro, ma...è umano. Umano come arrabbiarsi per una sostituzione, come prendersela per una delusione, come saltare al collo di chi ti tocca ciò che hai di più caro, appunto. 
Quello che non è umana, è l'esasperazione. In un mondo in cui la frenesia sembra sempre più somigliare al chiacchiericcio scomposta delle corteggiatrici e dei corteggiatori da Maria de FIlippi, tutto viaggia con ritmi troppo alti, insostenibili. Sono i ritmi disumani. 
Il calcio e lo sport in genere, fa da cartina tornasole: è sotto i riflettori, tutto avviene live, senza un copione. Per questo val la pena rifletterci: la furia agonistica e la fatica fisica, scoprono tutti i nervi dell'animo umano. 
Fermiamoci a riflettere. Davvero. Detto con tutta la banalità del mondo. Rallentiamo. Siamo esasperati.   

Per leggere altro di altro

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie