Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

sabato 15 ottobre 2011

Sono indignato

Mi ricordo quello che mi scrisse il mio amico Daniele, quando era stato anche lui in Plaza Catalunya. E mi ricordo quelle sensazioni bellissime che avevano increspato la mia pelle, mentre leggevo le sue parole. Ecco io non c'ero, ma credo e voglio credere che anche a Roma c'era quell'atmosfera straordinaria. 
E niente, è che dispiace che poi finisca sempre tutto in merda....

il video l'ha girato Gilioli


Ecco, io adesso vorrei, sognerei, che i leader politici dei partiti della sinistra italiana, Bersani Vendola e anche Di Pietro - anche se tanto di sinistra non è - si mettessero intorno ad un tavolo, davanti a quanti giornalisti possibile e facessero una dichiarazione. Dicessero urlando a squarcia gola che quella roba in piazza non c'entra niente con la politica, non c'entra niente con le manifestazioni, non c'entra niente con la partecipazione, non c'entra niente con niente. E soprattutto dicessero - e l'avrebbero già dovuto fare - anticipando gli sciacalli, che quella gente, non c'entra niente con la sinistra. Non servono condanne, quelle sono ovvie. Serve alzare la voce, per anticipare le farneticazioni - e ci saranno, appena finito il finto fair play di queste ore - di quelli che useranno quello che è successo per fare la loro subdola, infima, viscida, scorretta, lotta politica.


link
. Ecco come ci sta vedendo il mondo
. Ecco quello che succedeva nel mondo

2 commenti:

  1. x carità... solita italia, soliti italiani che prendono spunto da una buona causa per i loro interessi, quindi, in questo caso specifico, spaccare, sfasciare e dare addosso alla polizia (tipo gli ultras). Quindi che dire... peccato, siamo un popolo alla deriva e questa classe politica ci rappresenta in toto. Comunque W L'ITALIA.

    RispondiElimina
  2. Che è proprio quello il punto..quello che hai scritto tra parentesi: qui da noi, tutto ma proprio tutto prende i connotati delle partite di calcio, del tifo e dei tifosi...peccato! E non è che io ce l'ho con l'Italia. Anzi, se non fosse per amore verso questo, il mio, paese, non starei qui a scrivere e in questo caso a dispiacermi...

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie