Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

sabato 8 ottobre 2011

A scanso di equivoci


   Gentile Presidente del Consiglio,
mi permetto di scrivere queste poche righe, per far chiarezza su un aspetto importante, forse a nome anche di altri cittadini.
Che nominare il partito Forza Gnocca, fosse una battuta, l'abbiamo capito tutti. La nostra stima nei Suoi confronti è bassa, anche in merito alle sue facoltà intellettuali, ma non pensiamo che mai si potrebbe arrivare - nemmeno Lei - ad un così profondo pozzo di scemenza. O almeno lo speriamo, in cuor nostro.
Viceversa, quando Lei o chi per Lei, punta il fulcro della discussione sulla bacchettoneria degli italiani, che ormai non hanno più - e lo credo bene - senso dell'umorismo, potrebbe sembrare offensivo. Di quelle nostre capacità intellettive, appunto: capire che è stato detto per dire - anche se forse in cuor Suo, invece, qualche volta ci ha pensato veramente - è facile. Non siamo così stupidi, anche se Lei ci governa da ormai quasi due decenni - e qui, forse Lei potrebbe aver tutte le ragioni del mondo a insistere sulla nostra demenza.

Il punto, però, non è quello del senso dell'umorismo, ma un altro o altri. Innanzitutto, gli italiani sono stufi di questo Suo modo di fare

Sentire George Clooney, che racconta di essere venuto ad Arcore a chiedere un paio di elicotteri per sostenere gli aiuti all'emergenza in Darfour e che si è fatto un sacco di risate, ha sentito un sacco di barzellette, ha visitato il letto che Le ha regalato Putin, ma poi nisba, niente più delle storielle divertenti e dell'affabilità, ma concretezza poca. Sa com'è, la cosa ci amareggia. Perché a noi Clooney ci piace - e ci piace anche il caffè che pubblicizza, anche se non è equosolidale (un'altra volta Presidente, Le spiego cosa vuol dire) - e ci teniamo con certa gente a fare bella figura. Quel "I gotta go" è brutto, anche mia nonna se la prenderebbe se l'ospite (travolto da un turbinio di cazzate) se ne andasse tagliandola corta il più in fretta possibile. 

Ma il punto, non riguarda solo George - il nostro amato George - il punto riguarda proprio quel modo di fare da venditore porta a porta - non quello di Vespa, ma comunque ci siamo quasi - anni '90. 
Tante chiacchiere, sorrisi, battute alla buona, poco succo ma sgay in tasca. 

Ieri sera ho visto un film - "Amore e altri rimedi", è carino se vi capita - in cui il protagonista, un informatore farmaceutico che è il primo a commercializzare il Viagra proprio negli anni novanta, mi ha ricordato proprio Lei - nelle note negative, s'intende, poi essendo un film ammmericano l'amore ha vinto su tutto e tutti vissero felici e contenti. Così non dovrebbe essere, mi spiego Presidente. 

E non mi riferisco la Viagra e qualche strano collegamento mentale che forse Lei potrebbe fare, vantandosi della sua ars amotoria. Io intendo il fatto che mi piacerebbe associare (mentalmente) il mio Premier a ben altre cose, piuttosto che ad uno che lecca il culo - mi perdoni il linguaggio - ai medici regalando penne, come faceva lei ai tempi in cui ha varato la Manovra (con dubbi risultati) con i pezzi grossi di Bruxelles, o come ha fatto tutte le volte che il Governo ha rischiato di cadere. 

Ma forse non è nemmeno questo il punto preciso: ecco forse potrei tirare in ballo il fatto che quella battutaccia sul nome del futuro partito, è stata fatta in un momento in cui si stavano celebrando i funerali di quattro povere donne morte sotto le macerie d'Italia a Barletta, senza nemmeno un messaggio di condoglianze ufficiale della Presidenza del Consiglio. 

E anche nello stesso momento in cui Fitch, pochi giorni dopo Moody's, probabilmente finiva di scrivere le ragioni per cui declassava il nostro Debito Sovrano, concludendo il triduo di scomunica alla nostra economia e quindi al nostro Sistema Nazionale. 

Ma forse ancora non ci sono, mi sto avvicinando, ma non ci sono. Mi aiuti. Così, tanto per dire: l'idea di rinominare il Suo partito Le è venuta prima o dopo aver raccontato le barzellette alla Camera? No, giusto per sapere, perché in quel momento era in discussione uno scandaloso decreto contro le intercettazioni, e siccome di "quelle" intercettazioni in particolare si parlava, allora potrebbero esserLe tornate in mente certe intercettate. Semmai così si capisce tutto...

Eureka!

Finalmente ho capito qual'è il punto: stia tranquillo, il bunga bunga e le feste di Arcore, non c'entrano niente. O per lo meno non direttamente. Il punto è questo, ed era più semplice del previsto.

Gli italiani vorrebbero vivere in un paese serio, non dico normale, ma serio. E in un paese serio, il Primo Ministro, come adesso Le piacerebbe farsi chiamare, non fa quel tipo di battute da bar, o per lo meno se le fa, sta attento al contesto e a fare in modo che non si vengano a sapere in giro, oppure non le dice e basta!

Poi è vero che ci sarebbe anche tante altre cose, per far si che il nostro diventi un paese serio, ma intanto cominci Lei a dare il buon esempio.
E se proprio non può, per il nostro bene, lasci perdere. Forse avrà dato tanto - a suo dire - e forse, anzi di sicuro, adesso è il momento di salutare tutti e andare a godersi la vecchiaia.

Con rispetto.

6 commenti:

  1. La permanenza ostinata al governo di questo individuo sta producendo effetti devastanti : non se ne puo' piu' !!!

    RispondiElimina
  2. Se fosse veramente uno statista, visti i danni creati, darebbe le dimissioni. La sua permanenza non fara' altro che portare il paese sempre piu' nel baratro e di questo NON DOVREBBE ESSERNE FIERO !!!!!!!

    RispondiElimina
  3. IL TRIONFO de L’UTOPIA
    Per fare si che ciò avvenga ?
    è semplicissimo disfarsi della classe politica
    E di tutti i partiti.

    Potremmo Abbassare le pensioni di tutti i Parlamentari
    Da gli (onorevoli si fa per dire ai senatori)
    Compresi tutti i componenti delle giunte ( Regionali e Provinciali )
    Che da gli anni 70 ai nostri giorni Per arricchire se stessi e le loro Lobby
    Hanno creato il debito Pubblico Affamando il Popolo

    Debito che in 50 anni è cresciuto Cosi tanto da rischiare la Bancarotta dello ( Stato Italiano)
    Per Stato intendo quello composto dal ( Popolo dei Lavoratori)

    Questi Parassiti vorrebbero far pagare nuovamente al Popolino le loro malefatte.

    Provate a fare i conti sul risparmio che ci sarebbe di tempo e Danaro
    Se licenziassimo tutti questi inetti che servendosi dei partiti
    c i stanno mettendo l’uno contro l’altro per il loro tornaconto

    la colpa è dei lobotomizzati che come Guelfi e Ghibellini
    si fanno strumentalizzare tenendoci nel medio evo
    se fossimo coesi nella lotta
    Non solo annulleremo il debito Pubblico riattivando L’Economia
    ma daremo quel Futuro che oggi non c’è ai Giovani. VITTORIO

    RispondiElimina
  4. Io credo che non vuole bene nemmeno ai figli altrimenti si renderebbe conto che loro pagano sempre le colpe dei padri, come dice un adagio popolare

    RispondiElimina
  5. L'unico motivo che lo tiene attaccato alla poltrona è la sfilza di processi che lo attenderebbe! Mettiamoci dunque il cuore in pace!

    RispondiElimina
  6. E' vero ha ragione Fabio. Quello dalla poltrona non si separa altrimenti si apre la porta del carcere. Lui non ha prove di innocenza mentre i giudici hanno prove di colpevolezza, lui è sicuro di andare in galera e allora la sua ultima risorsa per salvarsi è quella poltrona di capo del consiglio. Farà fallire l'Italia di cui non gliene importa niente, purché non vada in galera. Dobbiamo farcene una ragione. Potevamo sperare nel Presidente della Repubblica, ma è troppo vecchio per fare cose così eclatanti come mandare a casa il governo Berlusconi. Forse aveva paura di essere sfiduciato o altri scherzetti di Berlusconi e non ha nemmeno tentato. Poteva sacrificarsi almeno lui, per il bene del paese, ma si vede che il Presidente della Repubblica anche lui vive su di un altro pianeta, lontano dai nostri problemi.

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie