Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 29 agosto 2011

Si va bé...noi volevamo solo ballarla!



Karma Chameleon, sotto la sua melodia allegra (in ultima analisi neanche tanto, ad ascoltarne bene le note, a tratti apertamente malinconiche, suggellate da quel Si bemolle iniziale che ne situa l'atmosfera), nasconde invece un testo dal sapore ironicamente amaro e, nelle parole del suo autore, "a dark emotional and sexual undercurrent" (così scrive George nel libretto di "Greatest Moments", nel 1998, approssimativamente traducibile con 'un flusso emotivo cupo, scuro e una corrente sessuale sotterranea, nascosta'). Basta scorrere un paio di versi rappresentativi, primo su tutti, quello ripetuto più volte nel corso della canzone, "you come and go, you come and go", dove il tradizionale ordine degli elementi dell'andirivieni, l'andare e venire, cioè, viene esplicitamente rovesciato, a creare la palese, forte, spinta allusione agli incontri veloci, alle storie dove il sesso trionfa sull'amore, e non appena l'atto è terminato, ecco il partner prendere il volo, e da qui prende il suo senso quell'amareggiato 'tu vieni e vai, vieni e poi te ne vai' - un nonnulla, apparentemente, ma si sta parlando qui di un brano che è riuscito a vendere più di un milione di copie nella sola bigotta Inghilterra, per non parlare del successo nel resto del mondo. Il tristemente più che realistico riff di "you come and go", come se non fosse abbastanza chiaro già di per sé, è impietosamente rafforzato dalla seconda strofa in generale, in particolare dalle frasi che la chiudono, che, tradotte, suonano qualcosa come "Quando ci stringiamo, il nostro amore è forte, quando te ne vai via, è per sempre, sai soltanto ingannare, sai soltanto ingannare". La ripetizione di alcune frasi particolarmente musicali (in quest'ultimo caso, "sai soltanto ingannare" rende l'originale "You string along") è un espediente generalmente utilizzato dai Culture Club musicisti e dal Boy George autore di testi, che, già sperimentato nel primo album "Kissing To Be Clever", e poi ripreso a mo' di formula vincente (e traditrice, basti vedere l'insuccesso del terzo lavoro, "Waking Up with the House on Fire"), sembra raggiungere qui la sua compiuta maturità, sia nella pluridecorata traccia in questione che nel più ampio long-playing.
Il senso di Karma Chameleon in quanto testo musical-letterario, il suo significato in qualità di song-lyric, per impiegare l'ormai internazionale termine inglese, pare infatti emergere proprio seguendo il filo della ripetizione. Sommando quindi "You come and go, you come and go" ("vieni e te ne vai"), "You string along, you string along" ('inganni soltanto'), variamente reiterate e già analizzate, con la doppia chiusa del ritornello (ripetuto sul finale fino all'esasperazione, con tanto di assolo di batteria e voci, come a volerne mettere in risalto l'amarezza letteraria, veicolata appunto dalle parole, più che mai percussive in questa sede), che isola alcuni colori, "Red gold and green, red gold and green" ('rosso, oro e verde'), è chiaro il sentimento negativo di fondo che permea il pezzo.

...me' cojons! - per dirla all'inglese!!



(permalink)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie