Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 19 agosto 2011

Notizie Scadute: i London Riots

Non sarà stato un '68 - non nel senso gergale, perché casomai, di casino ne han fatto parecchio.
No sarà la Primavera Araba, o l'Agosto Fish&Chips.
Ma già liquidare le UkRiots, come notizie scadute, vi potrebbe sembrare prematuro. E invece...! 
Non ne parla quasi più nessuno: le ultime cose che si sono sentite riguardavano gli arresti di  Jordan Blackshaw Perry Southcliffe-Keenan: quelli di Facebook per capirci. Ne hanno parlato, i media italiani, senza capire il valore intrinseco di quello che c'era dietro. Ne hanno parlato, come sparlano le massaie - non tutti per il vero, ma per trovare una diversità, occorre ricorrere a qualcosa di elitario (come vedete nel link) - tanto per dir male dei social network
Per il resto tutto più o meno tace. Qualche confusa notizia qua e là. Per fortuna non sono tutti così... 
E allora, ecco da Il Post (via The Guardian 1 e 2) alcuni numeri e dati sulle Rivolte di Londra.

La Cartina degli UkRiots (UKRIOTS MAP)
 Vuoi conoscere gli altri dati?

Le persone accusate di aver preso parte ai saccheggi e alle violenze apparse davanti a un tribunale sono fino a oggi 1297.
Il 50 per cento delle persone processate fino a questo momento ha meno di 18 anni. La grande maggioranza delle persone processate ha meno di 25 anni, solo il 12 per cento ne ha più di 30.
Il 90 per cento delle persone persone processate è composto da uomini.
Le condanne inflitte sono in media il 25 per cento più alte della norma per quel genere di reati, a indicare l’intenzione dei giudici di attribuire pene ad alto contenuto simbolico (tra qualche critica, come abbiamo visto).
Il 70 per cento delle persone processate è rimasta in custodia fino al giorno del dibattimento: di norma questo dato è vicino al 2 per cento. Oltre la metà delle persone condannate è stata riconosciuta colpevole del reato di furto e dovrà scontare in media cinque mesi di prigione, il 25 per cento di più della condanna media per questi reati.
Su un milione e mezzo di casi giudiziari affrontati nell’ultimo anno, i giudici britannici hanno optato per il carcere il 3,5 per cento delle volte. Nei casi di condannati per crimini violenti, la percentuale media delle carcerazioni è del 10 per cento. Nei casi delle persone coinvolte nelle violenze e nei saccheggi, la percentuale delle carcerazioni oscilla tra il 50 e il 60 per cento.
Chi è stato condannato per aver compromesso l’ordine pubblico sconterà pene il 33 per cento più lunghe del normale.
Chi è stato condannato per l’aggressione alle forze dell’ordine sconterà pene il 40 per cento più lunghe del normale.
Il numero di condanne sta mettendo alla prova il sistema carcerario britannico, che può contare ancora su circa 1.500 posti liberi.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie