Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 16 agosto 2011

Notizie scadute: caso Murdoch

Per fortuna di Rupert Murdoch, i riflettori mediatici inglesi, in questi ultimi giorni si sono spostati sull'ondata di proteste e violenze che partendo da Londra, hanno invaso molti altri centri abitati della Gran Bretagna.
Stamattina però, placati i fuochi pre-ferragostani dei rivoltosi - almeno sembrerebbe - il Caso Murdoch si è ripreso le prime pagine dei giornali inglesi. Soprattutto, è il Guardian ad aprire con la notizia e la pubblicazione di una lettera "esplosiva" che potrebbe fugare ogni dubbio sulla consapevolezza di quello che accadeva, da parte di Murdoch. 

La notizia è la pubblicazione di una lettera scritta nel 2007 da Clive Goodman al capo delle risorse umane di News International. Clive Goodman è un ex giornalista del News of the World che seguiva la famiglia reale e, insieme all’investigatore privato Glenn Mulcaire, si intrufolava illegalmente nelle segreterie telefoniche di VIP e persone normali in cerca di notizie più o meno torbide. Goodman è l’uomo da cui tutto lo scandalo è cominciato: arrestato nell’aprile del 2006, sarà processato e condannato a quattro mesi di prigione. Uscito dal carcere a marzo 2007, Goodman prende carta e penna e scrive al direttore del personale di News International una lettera che oggi il Guardian pubblica integralmente.
Nel testo, Goodman lamenta il suo mancato reintegro nella redazione del tabloid e dice che le intrusioni telefoniche illegali erano “ampiamente discusse” nelle riunioni di redazione al News of the World, finché Coulson non ha dato ordine ai giornalisti di non parlarne più. Goodman aggiunge inoltre che lo stesso Coulson gli aveva promesso di riassumerlo, un giorno, se questo avesse detto durante il processo di essere l’unico coinvolto nelle operazioni illecite, tenendo al sicuro il giornale e la sua direzione.
La lettera rappresenta un guaio per molte delle persone coinvolte nello scandalo. Innanzitutto per James e Rupert Murdoch, che rischiano di essere nuovamente chiamati a giustificare davanti al Parlamento quanto detto fino a oggi: la lettera di Goodman, infatti, fu letta da Les Hinton, amico e consigliere di Murdoch, che però non denunciò le operazioni illecite alla polizia. E poi per David Cameron, che fino a oggi ha giustificato la sua nomina di Coulson a suo direttore delle comunicazioni dicendo che questo non era a conoscenza delle intrusioni illegali nelle segreterie telefoniche. Tom Watson, parlamentare laburista membro della commissione che ha sentito i Murdoch, ha detto che la lettera è «assolutamente devastante», che «rimuove completamente la difesa di News International» e mette alla luce i tentativi di «insabbiare» la vicenda.
dall'articolo de Il Post 

Per rinfrescarsi la memoria sul caso:

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie