Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 18 agosto 2011

Non saper perdere, significa essere un perdente?


A Mourinho piaceva: e molto.
Quando gli altri mi dicevano, che era antipatico, spocchioso, egocentrico, arrogante: io rispondevo sempre con un detto che mi diceva mio nonno "chi perde, non cojona". Traduzione superflua.
Perché Mou, vinceva. Ovunque andava, era come un profeta, vinceva e rivinceva, portava quella freschezza - anche nell'immagine a 360° - che mancava a questo stanco (soprattutto in Italia) calcio.
Ma il problema, forse è tutto lì. Ne avevo parlato, già qualche tempo fa, adesso però, il problema non riguarda più "travestire le proprie vittorie da sconfitte": le vittorie, quelle contano, non ci sono più; occupare lo sfondo, lasciando il primo piano ai giocatori, non serve, perché sullo sfondo ci sei già...
Il problema allora è questo? Il super-allenatore che ha reinventato il calcio, il calcio 2.0, non sa perdere!? A giudicare dai sui comportamenti, comprensivi di lamentazioni e spacconate puerili, si direbbe di si!

Ed io sono contento di questo. Non perché Mourinho è il simbolo dell' "odiato" Inter-Vicente. NO!
Sono contento umanamente. Il top manager calcistico, quello che non sbaglia mai una virgola, ha un lato debole. La sconfitta, lo rende umano ed incline a tutte le nostre debolezze. Non venitemi a dire, che è un lato piuttosto grande, o che "bisogna saper perdere" e menate del genere.
A perdere si abituano i perdenti.
I vincenti non ci stanno. Mai! Possono nascondere la rabbia, con delle impagabili ed inequivocabili capacità ed eleganze morali: ma certe volte se perdono, si incazzano. E poi fanno gesti stupidi. Limitatamente stupidi.
Far passare il Barcellona, Guardiola, Piqué e gli altri, come la squadra dell'oratorio, attaccata dal Satanasso José, è quanto meno ridicolo. I Blau-grana, sono tipi tosti, che sul campo - e fuori - non te ne danno vinta mezza...e allora a me, che ho spesso criticato quel modo di polemizzare del portoghese, stavolta il buffetto "mi piace"...ma soprattutto mi piace la faccia quando torna a posto: sembra già aver capito, che scatenerà un putiferio, ma la smorfia dice chiaramente "alla faccia dei bacchettoni e degli ipocriti"...
...e io li ho sempre odiati i bacchettoni e gli ipocriti!!


Veramente ci potrebbe essere un altro aspetto. La butto lì, tanto per dire. Non ci credo nemmeno io, perché se fosse vero, sarebbe un genio. Eccola: magari ha fatto "il fattaccio", per attirare su di se tutte le luci e le polemiche dei media, lasciando la squadra sgombra dall'inesorabile sentenza "il Barça è più forte del Real"?!...no vabbé, bravo si, ma genio...


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie