Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 8 luglio 2011

Quello che ha detto Palazzi

Tanto per dire, che quando diciamo qualcosa lo facciamo a ragion veduta: dalla relazione di Palazzi, risulta proprio tutto vero quello che avevamo scritto qui.
Poi, il tifo, per certi versi è una fede, e come tale, in fondo, va "creduta" anche oltre il razionale e il reale: quindi, chi tifa profondamente Inter, continui a vedere la faccenda come preferisce o crede...
I fatti sono questi.
Pertanto, alla luce delle valutazioni sopra sinteticamente riportate, questo Ufficio ritiene che le condotte in parola siano tali da integrare la violazione, oltre che dei principi di cui all’art. 1, comma 1, CGS, anche dell’oggetto protetto dalla norma di cui all’art. 6, comma 1, CGS, in quanto certamente dirette ad assicurare un vantaggio in classifica in favore della società INTERNAZIONALE F.C., mediante il condizionamento del regolare fu nzionamento del settore arbitrale e la lesione dei principi di alterità, terzietà, imparzialità ed indipendenza, che devono necessariamente connotare la funzione arbitrale, in
violazione del previgente art. 6, commi 1 e 2, CGS, in vigore all’epoca dei fatti ed oggi sostituito dall’art. 7, commi 1 e 2 del CGS        
 [pg 61 della Relazione di Palazzi]
Senza procure sarebbe servita
ancora molta naftalina...
Per nota, occorre inserire, che l'art.6 era quello che riguardava "l'illecito sportivo" e che l'art.1 invece "la slealtà sportiva". Quindi, anche se i legali (e i tifosi) dell'Inter continuano a sostenere che c'è un netta differenza tra le imputazioni a Moggi e quelle a Facchetti, nella relazione di Palazzi, così non è. Sono state le sentenze sportive, che hanno cambiato i capi d'imputazione, emersi dalle indagini del Procuratore Federale. 
Per fugare ogni dubbio su quello che dice Moratti, e sulla sua (e dell'Inter) esclusione dal "Sistema Moggi", poi ci sarebbero anche queste righe.
Non può assolutamente assumere valenza esimente quanto asserito dal MORATTI in ordine alla convinzione, quanto meno putativa, formatasi in ambito societario in quel particolare periodo di tempo. L’attuale Presidente ha, infatti, dichiarato in sede di audizione che, alla luce di molteplici episodi negativi che si erano, a suo avviso, ripetuti nel corso del tempo in danno della squadra, era venuto meno la fiducia che i problemi avvertiti si sarebbero potuti risolvere in ambito istituzionale.                                                                   [pg 60 della Relazione di Palazzi]
Tanto vi dovevamo. 
Cercheremo di non tornare più sulla questione, anche perché in fondo in fondo, a noi dello scudetto 2006 non ce ne frega niente
In ultimo, questa è la Relazione completa di Palazzi.
E poi, veramente per finirla qui, ci sarebbe questa considerazione di Christian Rocca de Il Sole 24 Ore.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie