Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 25 luglio 2011

Balotelli sostituito dopo la veronica

Senza perdere tempo in moralismi vari - che porterebbero considerazioni sul talento e su come determinate "teste" il talento non riescono a spenderlo e anzi lo bruciano, alla faccia di chi non ce l'ha - ricorrendo anche al proverbio "chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane"...
Due righe su quello che è successo ieri, a Los Angeles.
Trasferta americana di preparazione al campionato, per il Manchester City. La squadra che lo sceicco Mansour, ha portato sul tetto del mondo, dai bassifondi della periferia, e dove allena Roberto Mancini - grande allenatore, cacciato malamente da Moratti -  e gioca Mario Balotelli, buonissimo giocatore, anche lui cacciato malamente da Moratti.
Non val la pena dire, che Mancini è un fuoriclasse della panchina, mentre Balotelli non è, né più e né meno di un buon attaccante, con buon fisico e buoni piedi, ma un fuoriclasse non lo sarà mai. Semplicemente perché non ha i numeri: non la testa - anche se a dir il vero, anche quella gli manca un po'.
Quello che è successo ieri, però, non riguarda il moralismo de "la testa", ripeto, ma riguarda semplicemente l'educazione. Si ancora lei, quel famoso profumo di lavanda sulla biancheria, che in un campo da calcio si traduce anche in rispetto dei compagni e dell'avversario.
Allora in un'epoca in cui non si fa altro che dire - con moralismo clinico - che il calcio (come la Televisione) sono soltanto dei pessimi esempi di cattive maniere, val la pena spendere queste due righe per ringraziare Mancini, che dell'educazione e della compostezza, adesso che è coach ne ha fatto un vessillo (prima da calciatore era un po' più sopra le righe ndEm).
E va ringraziato per diversi motivi.

- per aver messo sotto scopa i moralisti anti-calcio, e anche quelli pro-calcio, che con il moralismo nascondono il "peccato" della loro passione fanciullesca;
- per aver dato una lezione - che forse come tutte le altre non servirà, è vero - ad un buon talento, che se attingesse alla dedizione e alla serietà, sarebbe molto utile alla nostra Nazionale;
- per aver salvato il nostro italico volto, dalla classica figuraccia dei bulli maleducati, utile in questi periodi di vacanza, in cui orde barbariche di nostri connazionali stanno infestando le località turistiche del pianeta.


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie