Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

mercoledì 1 giugno 2011

Jennifer Lopez Sextape

Mercurio e Erse
Nel nostro quarto d'ora gossipparo giornaliero (che spesso si prolunga elasticamente, specie in casi piccanti), c'è caduto l'occhio su J-Lo. Sembra infatti che a breve potremmo vedere il suo eros inchiodato non più soltanto a quelle canottierine dei video, che poco velano l'inturgidimento professionalizzato. E il suo super-mega-iper-ultra fondoschiena, potrebbe prendere la scena, in posizioni, diciamo così, intime. Aperta parentesi. Il sedere numero uno del mondo, come lo consideravano, è a tutti gli effetti un bel sederone: a mandolino, ergonomico, ben proporzionato, bello appeso, ma non certo piccolo; ed è forse proprio quella prosperosa umanità che lo rende il number one! Chiusa parentesi.  
Per farla breve, c'è casata anche lei: l'ex marito di JLo infatti, Ojai Noa, che dovrebbe aver già pubblicato il video, ha minacciato di diffondere online quasi 21 ore (!?) di materiale, girato al tempo del loro matrimonio lampo. Le riprese sarebbero state fatte durante una vacanza a Cuba, e la battaglia legale intrapresa, dagli avvocati della Lopez, la dice lunga sulla veridicità delle immagini. Proprio in virtù della vittoria di questa schermaglia processuale, l'ex cameriere cubano, dovrebbe poter disporre delle immagini come meglio crede. Non si tratterebbe però, di performance vere e proprie, ma più che altro di perversioni pseudo-voyeuriste, con la Jenny from the Block che, in un qualche Block cubano, mostra le sue intimità. La portoricana più amata del mondo, infatti,  si concederebbe senza biancheria intima alle telecamere, in mezzo agli ignari passanti (almeno secondo quanto riportato dall'autorevolissimo radaronline.com).

"L'ideale è una lavandaia senza mutande presa di spalle".
Ennio Flaiano (Frasario essenziale per passare inosservati in società)



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie