Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 31 maggio 2011

Understatement fa rima con radical chic -ismo?

Leggendo il post di Franca Sozzani, pubblicato ieri sul suo blog, ci è tornata in mente l'annosa quaestio, con cui fino a qualche anno fa, infuocati dalle fiamme della rivoluzione, combattevamo, ma adesso, ormai pompieri o pseudo tali, ce ne freghiamo altamente. 
Lo "snobismo alla rovescia", come la Direttore (anche usare la dizione la direttore, rientra in questo) lo definisce, a noi sembra molto simile a quel radicalshicchismo per cui fummo additati, e anche più di una volta. E da cui, giovanotti, volevamo liberarci a tutti i costi, per fare quelli che venivano dalla strada, o che avevano sofferto chissà quali traumi sociali: la rivoluzione d'altronde, non la potevamo far mica partire dal campeggio pre-cresima di San Silvestro
Adesso, quietate le nostre anima damnata giovanili (?) (anche se continuiamo a pensare ad altre rivoluzioni) e  a distanza di qualche settimana, torniamo lievemente sull'argomento. Pensiamo di condividere appieno l'idea della Sozzani, di "preferire" in fondo, qualche onesta e schietta tamarro/ranzanata, a quell'insostenibile understatement innaturale. Quel low profile ostentato, insopportabile, a tutti i costi, e costi quel che costi
Non per dire che ci mancano gli yuppie, ma non siamo nemmeno hippie, e neanche troppo yippie
Siamo quel che siamo, e abbiamo quel che ci guadagniamo, cioè poco! Yuppii!!! (nel senso di quel che guadagniamo!).
E tornando sull'argomento, in modo soft (come dire low profile), vogliamo integrarci con un contributo multimediale (come si diceva un tempo). Tanto per capirci meglio!




E tanto per capirci, che non bisogna essere lowprofileatutticosti, ma nemmeno ranzanbriatoriani!
E ricordandovi che la parola d'ordine di maggio, ormai al tramonto, è stata: MISURA!!
  

1 commento:

  1. VI LEGGO SPESSO E DEVO DIRE CHE SIETE MOLTO BRAVI ...!!! GO... GO...GO ...GOGOGOGOGO!!

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie