Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

giovedì 12 maggio 2011

Those anonymous users freely surfing the web: are they cowards or just shy?

Punto di vista interessante, dalla parte di un personaggio pubblico, sull'uso indiscriminatamente diffamatorio della rete. 
Per quanto condivisibile la situazione, per certi versi scomoda, in cui si trovano personaggi come la fashion-direttrice, la cui vita si incrocia a meraviglia con quella di mitomani anonimi, spesso affetti da disturbi comportamentali di varia natura, il punto, forse, è un po' spostato. Sicuramente, c'è la componente della timidezza o della codardia, ma abbinate, con ogni probabilità all'assenza d'argomentazioni e di idee proprie (vedi L. Moratti show), al qualunquismo e al pressappochismo, ormai contagioso nel nostro Paese. 
Fondamentalmente, comunque, aveva ragione Henry Louis Mencken, quando definiva "Celebrità. Uno che è noto a molte persone, che è felice di non conoscere".

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie