Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 20 maggio 2011

Post Wil Alsop

Ci sono delle situazioni, diciamo così, dei momenti, incarnati da delle persone, che ti danno respiro: aria! Poi, ecco, non sai mai bene se quello che ti succede è perchè incontri qualcuno o qualcosa di particolare, o perché tu vuoi che sia così..oppure perché quello che hai intorno ti dà l'idea: speranza. 
Will Alsop è uno di questi qualcosa. Non vale neanche la pena dilungarsi su quello che ha fatto o quello che ha vinto, né tanto meno quello che è: sarebbe, per tutti e tre, troppo; e trasformerebbe questo post in qualcosa di noiosamente banale. 
In verità, appena è arrivato sul palco del Pavone (pg), a me sembrava anche un po' ubriaco, ma forse questa sensazione è un meme, lanciato dall'incotro con Marco Caprai, appena davanti al Teatro. Poi, cominci ad ascoltarlo e non che ti dica niente di trascendentale, ma è quello che trasmette, e le immagini che cominciano a muoversi sullo schermo dietro di lui che fanno il resto. Non rimani incantato, non è un Pericle, ma cominci a pensare e ripensare, ti vengono in mente idee, visioni, stacchi addirittura l'orecchio da quello che dice..e poi NOISE!!!! Ritorni attento spaventato dal rumore, perchè è dal rumore e dalla confusione che nasce tutto..

..niente di più, giusto per condividere qualche sensazione a caldo e un paio di cose che ha detto (o almeno io ho sentito!?)

"la confusione è un aspetto positivo del mio mondo, perchè non ha conclusione [..]"
""nel mio studio c'è una regola: alle 6pm, si smette di lavorare e si beve un drink. Altrimenti lavori, lavori, poi torni a casa, ammazzi il gatto (ammazzi il gatto capite? ndEm) e il giorno dopo ricomincia a lavorare [..]"
"la cosa peggiore sono le persone esperte, perchè si sentono in diritto di bloccare le cose [..]"


Em




Insomma, I will, e Dan will.. poi Alsop o no, poco conta...



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie