Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

domenica 29 maggio 2011

Post con troppe cose dentro, per avere un titolo solo

Nel calderone del cazzeggio domenicale, scienza di cui siamo Advisor di indiscutibile valore, sono finiti diversi argomenti, di più o meno attualità o importanza.
A cominciare da uno assolutamente "sul pezzo": oggi si vota per i ballottaggi storici, quelli che potrebbero (è doveroso il condizionale) cambiare gli equilibri politici italiani: attenzione, parliamo di equilibri non a caso. Non siamo affatto sicuri, infatti, che l'eventuale sconfitta del PdL porterebbe uno scossone nel Governo, o le dimissioni (volente o nolente) del Presidente: ma di sicuro cambierebbero diverse cose, e questo articolo che potete leggere qui, vi spiega meglio di noi cosa sta già accadendo e dà accenni ai futuri scenari (ah! Povera la Melchiorre!). Di sicuro, poi, la forza del Leader, cadrebbe definitivamente nel fondo del baratro, dove già le ultime vicende hanno cominciato ad affossarla. Dello scenario politico italiano, perché è quello in cui ormai si è inserito (volente o nolente, ancora) a tutti gli effetti, è uno dei protagonisti, da un po', anche Beppe Grillo. A dir il vero, in quello scenario, lui si cala, ma senza confrontarsi: ormai, morto Bin Laden, è rimasto l'unico ad inviare messaggi videoregistrati (oltre alle esterne di Uomini&Donne). A noi Grillo non piaceva granché come comico, e continua a non piacerci troppo come politico: alcuni dei motivi li potete trovare riassunti in questo post, dal blog di Francesco Costa. Va dato atto, però, che il Movimento 5 stelle, come Grillo stesso analizza, ha avuto un gran successo: segno evidente che il suo messaggio passa tra la gente, (e/)anche perché quella stessa gente è satura della politica e dei suoi politicanti nostrani. 
E' interessante, anche, il pezzo di P. Pellizzetti su MicroMega, di qualche giorno fa: è da situazioni come quella di Fincantieri, che si può capire perché i cittadini hanno perso quella fiducia nella politica attuale.
Certo, questa stessa fiducia non potrà sicuramente consolidarsi, se si pensa alla scuola. E' uscito un articolo sull'Independent, che prova a spiegare perché la scuola finlandese è la migliore del Mondo: meglio non leggerlo, comunque. Non rischiare di farsi prendere da immani conflitti di inferiorità. Anche perché il giornale inglese, paragona la scuola scandinava con quella britannica, mica con la nostra: come dire, occhio non vede cuor non duole! Per i più masochisti, invece, qui troverete una sintesi dell'articolo da Il Post.
Per i secchioni super-mega-ultra-tecnologici italiani, che masochisti sono lo stesso, visto che passano le giornate al caldo dei loro laptop, invece di uscire e pensare alla top(...)! (questa la battuta era troppo scontata, ma anche troppo ghiotta ndEm!), potrà essere utile questo elenco. Wired, vi ha infatti pubblicato un vademecum,  facendosi aiutare proprio da quelli di Lega Nerd. Tra le 50 cose che dovete amare, per essere Nerd nudi e crudi, quella suggerita tre righe più in alto non fig-ura, manco a dirlo! 
E infine, un altro articolo di un giornale inglese (The Economist). L'argomento, non troppo positivista, è l'innalzamento dei mari e l'eventuale scomparsa di alcuni piccoli stati, tipo Kiribati o le Maldive. La questione, ruota attorno all'aspetto legale: senza territorio non esiste lo stato, secondo alcune definizioni, perché verrebbe a mancare una delle condizioni fondamentali insieme a una popolazione permanente e alla capacità di mantenere rapporti con le altre entità nazionali. Secondo un’altra ipotesi giuridica, invece, gli abitanti di un’isola che viene sommersa potrebbero mantenere i loro diritti anche migrando in un altro paese o unendosi a un altro stato. Gli inglesi, insomma spulciano questo controverso aspetto, che integrerebbe lo scenario catastrofico ambientale. Tutto questo, soltanto per dimostrare che i PISA, i test con cui l'OCSE monitora e classifica l'istruzione nei vari paesi del mondo (e che hanno consegnato la vittoria alla Finlandia, qualche riga sopra), non sono attendibili e per sfamare l'orgoglio (secchione) britannico da primi della classe. I più maligni potrebbero pensare, che (invidiosi come tutti i secchioncelli, di quelli alti biondi e con gli occhi azzurri) i sudditi di HRH Elizabeth, stiano proprio lì a sperare che quei mari comincino ad entrare tra i fiordi, così che siano proprio gli scandinavi  e la scuola suomikappa, a far la fine degli  Snorky!  

"se vedi qualcuno che cazzeggia, aiutalo
(Maestro Cho-ncazz-affa da Nonenciclopedia)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie