Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 30 maggio 2011

Planking

Bisogna essere onesti: le facce dei piddiellini nelle trasmissioni televisive di oggi erano piuttosto ingessate, irrigidite, spesso sembravano bloccate, cristallizzate, insomma la sconfitta li ha lasciati di sasso. 
Berlusconi e affini, sono diventati statue di cera, con risultati non certo migliori di quelli della Stazione Termini o della Rotonda dei Pentri.
Ma il motivo è il "fermo immagine" post-cappotto elettorale, oppure, anche loro stavano facendo planking?
Pensiamola senza malignità; i nostri politici di centro-destra, hanno voluto essere al passo con la street body art più in voga del momento. Parte dall'Australia: il gioco consiste nel mettersi rigidi come una panca (plank) nei luoghi più strani e/o estremi possibile. La pagina Facebook, ha già qualcosa come 150 mila fan!
Con i fans, cominciano anche gli eccessi, e purtroppo i primi gravi incidenti: per onor di cronaca bisogna dire che in Australia, infatti, sono morti due ragazzi, uno cadendo dal tetto di un'auto, l'altro dal settimo piano. Tanto che il sito stesso invita a fare safe-planking.
Irrigiditevi responsabilmente! 

(Qui comincia la breve parte del post V.M. 14, che ha come scenografia le migliori osterie romane, in compagna di T. William e del grande Bombolo.)

Parlando di erezioni, o elezioni, in momenti come questi la rotonda dialettica gira sempre attorno ad irrigidimenti. E allora, prendete per esempio Quagliarello, tesissimo oggi pomeriggio a la7, sembrava che avesse mangiato per pranzo dei paccheri al viagra!
E sempre parlando di quella rigidità, chissà come starà messo il buon Vendola o il sempre tosto Di Pietro? Ah! E invece, quelli che credevano di vincere a cazzo dritto?! Adesso, saranno un po' meno plankati, là dove il sol non batte?! In questo caso vale quello che diceva G. Flubert "Erezione: si dice solo parlando di monumenti"...statue appunto!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie