Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 17 maggio 2011

Per non cambiare canale

Poche, le pubblicità riuscite come quella della Master Card. Ieri sera, ne abbiamo rivista una della serie per nonsappiamobenequalecenstesima volta, e ancora ci ha fatto pensare. Un po' perché è bello che un colosso del settore economico/finanziario, proponga un suo prodotto, legato ad una sfera strettamente materialistica (il pagamento) come qualcosa di relativamente importante, o almeno subordinato d'importanza all'aspetto romantico degli acquisti. Senza sottovalutare, poi l'altro aspetto: quello social-commerciale, della pubblicità, e poi quello sociale e basta: ormai tutti noi ci siamo trovati almeno una volta a dire di una qualche cosa: "non ha prezzo".


  


1 commento:

  1. Ho appena visto il filmato!
    Patetico, decisamente fuori luogo in un periodo di tentennamenti energetici.
    Parlate di energia?
    I giornali e i media in generale NON NE PARLANO!

    Loro potrebbero parlarne, e non sputtanarci addosso il fatto che siamo completamente dipendenti e succubi del loro prodotto. non hanno bisogno di fare pubblicità...accenderei la luce, il forno, la lavatrice comunque...
    questa non è forza... ma debolezza.
    Parlerei volentieri delle fonti di energia, possibili e futurubili...ma non si può!
    allora
    PERCHÉ QUESTA PUBBLICITÀ CI PRENDE PER IL CULO?
    meditare.

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie