Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 6 maggio 2011

O Flickr o morte!!


Ogni forma d'Arte è notevole. Nel senso di forme proprie, ogni espressione, o pseudo-tale, concepita con il solo fine Artistico, arricchisce il mondo. L'Arte è libera per concezione: nessun limite, nessun vincolo, nessun censura. Nell'arte l'emozioni si devono liberare e non importano i risultati.
Siamo veramente convinti di queste parole, senza ipocrisia e senza limitazioni, e ancor più senza polemica o ironia. Lo diciamo con il punto alla fine, per affermare un qualche cosa che pensiamo, e fa parte della nostra realtà.
La premessa necessaria, non è uno zucchero per indorare la pillola delle parole che seguiranno, ma soltanto un modo per contestualizzarle. Portare alla vostra cognizione, il nostro background anche su questo argomento.

La democratizzazione dell'arte a portata di tutti, chiamiamola pop se preferite, è nel nostro presente, protagonista di una forma d'arte che ci coinvolge quasi come poche altre: la fotografia. Con i sistemi di upload in social network, come Flickr il processo è veramente completato. La fotografia diventa più che aperta alle forme popolari: diventa fatta dal popolo e spesso proprio dalle forme popolari. Ad ognuno, anche il più scarso utilizzatore di macchinette digitali di bassa qualità, viene data l'occasione per avere un propria galleria, una mostra, oltretutto contattabile da milioni di persone. 




Certo, la mania dilaga: e quando parliamo di mania, non parliamo di passione: la mania spesso si fonde con l'ossessione, la compulsività (OCD!?!), l'assenza di misura, qualcosa che ti rende per certi versi schiavo della macchinetta. La ridicolizzazione è la conseguenza della massa ignorante: ma questo è un mal costume che sparla di un altro malcostume: ergo, due negazioni si annullano.
Non è dunque su questo che si accende il nostro pensiero. Anzi, in un mondo come oggi, il più grande consiglio che possiamo dare, è di trovarsi una passione, da seguire quanto più spregiudicatamente possibile.
Quello che constatiamo, invece, è che il Potere Democratico della Rete spesso si scioglie nell'abbassamento degli standard, dipende da dove si guarda il bicchiere. Ma al di sopra di qualsiasi concezione ancestrale, una cosa è certa: le foto in sharing non sono oggettivamente tutte uguali. O meglio, non sono tutte della stessa qualità, non hanno la stessa ricerca, non sono mosse dallo stesso genio, per poi non entrare in dettagli tecnici che non conosciamo, ma che riusciamo sommariamente a notare (quelli macroscopici, sia chiaro, senza presunzione ndDanEm). Spesso ci si imbatte in qualche vera e propria ciofeca (attribuendogli il vero significato gergale) che stride abbinata ed esposta nello stesso luogo di veri e propri capolavori. 

"E allora? Detto questo? Vorreste dire che deve esserci un Flickr di Serie A ed uno di Serie B? E per i blog allora? Dove lo posizionereste il vostro? Onestamente? I posts che scrivete sono tutti uguali, o qualcuno viene fuori peggio di come ve lo aspettavate (guarda questo che state scrivendo per esempio!?)? Ma chi, se non la rete stessa può filtrare, selezionare, scegliere, le cose buone da quelle peggio? Quale vaglio dovrebbe essere introdotto? Il successo proprio lì sta: nessun gallerista o critico che ti giudica, ti analizza e ti esclude. Tutti possono esserci, nel modo che vogliono o che possono. Che importa?  Parlate di Democrazia: questa è Democrazia, quella con la D maiuscola e bla bla bla! Tutti uguali, nello stesso posto, il grande e il minuscolo, il bravo e il somaro, il genio e il copione: tutti partecipano! Chi l'ha detto che bisogna essere per forza bravi, per coltivare un interesse? Em, per esempio: tu giochi a basket, ma schiacci? Sei forte come Lebron James? Eppure continui ad andarci tutte le sere, con quale scopo, se sei una pippa?...

..si, tutto vero, ma le Pippa, non sposano con i Principi.... 


N.B. alcune delle nostre foto preferite, ve le metteremo presto in elenco di link.




1 commento:

  1. Pensandoci bene, forse, le Pippa non li cercano nemmeno i Principi. Loro vogliono il rospo. Molto più eccitante!!

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie