Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

martedì 31 maggio 2011

I Ballottaggi italiani visti dai giornali del resto del Mondo 2

Un altro po' di mondo


I risultati dei ballottaggi, non sarebbero diversi nemmeno se visti da Marte, quindi non aspettatevi grosse novità. Ma è comunque interessante, sapere come ci vedono gli altri, sennò perché ostentare le vittorie, in modo così poco low profile!

Grande rilievo sulla prima pagina europea del Financial Times ai ballottaggi comunali di ieri. Il centrosinistra, scrive il quotidiano della City, ha inflitto una clamorosa sconfitta a Berlusconi. Per il Ft potrebbero arrivare elezioni anticipate. 
Sulla vittoria di Giuliano Pisapia al ballottaggio di Milano, il Wsj spiega che «si tratta di una vittoria senza precedenti nella città del Premier Berlusconi». 
Sul New York Times spazio ai risultati delle elezioni italiane. Il quotidiano della Grande Mela però osserva acutamente che nonostante il centrodestra sia stato sconfitto, i vincitori a Milano e Napoli non provengono dalle fila del Pd. 
Ampio il reportge de Il Guardian, che non usa mezzi termini per commentare l’esito delle urne a Milano, titolando sull’«umiliazione» di Berlusconi. 
Anche l’Independent, molto attento alle questioni italiane, racconta la vittoria di Pisapia spiegando che «il coinvolgimento personale di Berlusconi non ha aiutato la campagna elettorale della Moratti».


Le Monde ricorda che, dopo la sconfitta di ieri, Berlusconi deve già tornare a pensare ai suoi guai giudiziari: oggi a Milano riprende il processo Ruby. (ah si èh! ndDanEm)
Anche Die Zeit si occupa dei ballottaggi italiani, definendoli «un buon segnale per la sinistra disunita in vista delle elezioni politiche del 2013».
Su El Paìs lunga analisi della sconfitta di Berlusconi da parte del columnist Lluis Bassetts, che scrive: «il risultato elettorale italiano è un punto di flessione per il berlusconismo da cui non si torna indietro».
E per finire, anche su Adevharul, principale quotidiano rumeno, il racconto della visita di Berlusconi a Bucarest, con un ovvio particolare: i giornalisti italiani minimamente interessati alla Romania rispetto al risultato elettorale nazionale.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie