Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

lunedì 18 aprile 2011

un PO'LITICA

Qualcuno ci ha, personalmente, colpevolizzato di parlare troppo di politica, e più che altro ci hanno accusato dicendoci, che se dovesse cadere il Governo e scomparire dalla scena politica Berlusconi (iperbole, la cui probabilità è pari alla fiducia economica nel Manat Turkmeno, ma alla quale reagiremmo di sicuro con gioia), non avremmo più niente da scrivere. La nostra risposta diretta, un po' piccati, è stata "Beh, meglio noi di te: tu non avresti più niente per pensare!?"


Si perchè ormai è chiaro: in Italia c'è un partito in cui credere, non come si crede negli altri; non stiamo parlando di condividere visioni, idee, progetti, anche ideologie politiche: in quello specifico partito si parla di fede (con la f minuscola, sebbene andrebbe bene anche maiuscola). I fedeli (non i confalonieri) hanno scelto di credere, non di seguire un partito; hanno scelto un uomo (il partito è tutto lì d'altronde) e soprattutto hanno scelto di spegnere il cervello ed affidare il proprio pensiero a lui. Sono fondamentalisti: difendono lo pseudopartito, senza incertezze, titubanze, esitazioni, lo fanno e basta,: seguono ultraliturgicamente i dettami di quell'uomo in cui hanno scelto di credere ed a cui hanno prestato le proprie menti: tutt'altro che cittadini pensanti...
Tornando a noi, onestamente senza falsa modestia, non crediamo che questi posts, abbiano una così grossa povertà ed omogeneità di contenuti. Spesso è vero parliamo di politica: parliamo anche di chi la politica italiana la incarna, e soprattuto di che ne rappresenta un'anomalia, singolarità contemporanea, che permette a noi esistenti di condividere con questo aspetto un'epoca storica. Perchè lo facciamo? Oltre alle semplici motivizioni, da ricercare nel fatto che ci piace farlo e che le considerazioni personali, partono normalmente da quello che ci succede intorno,  c'è qualcosa di più. 
La politica, non è quella dei Palazzi Istituzionali, o di quelli del potere. La Politica di cui parliamo noi, è quella con la P maiuscola. Quella che permea le nostre vite; quella che dirige il nostro presente, indirizza il nostro futuro, e ha segnato il nostro passato. Ma non il nostro di cittadini di Bastia, o di Popolo italiano: il nostro, di noi, singolarmente. E' qualcosa che va al di là dei poteri esecutivi o legislativi: stiamo parlando di quel sentimento, che muove le nostre emozioni, le nostre passioni, i nostri interessi, le nostre visioni, la nostra quotidianeità, insomma. 
C'è politica nel non fare spesa alla Coop (anche se un po' scema, visto che conviene!?). E' politica, la scelta dei film al cinema. C'è della politica nel modo in cui ci vestiamo, nei posti in cui trascorriamo le nostre vacanze, nel modo in cui socializziamo. C'è perfino politica nei colori che preferiamo, nei giochi che compriamo ai nostri figli, quando ci laviamo i denti e ci facciamo la doccia, nei nostri concorrenti preferiti dei reality.
La politica è in tutto, davvero in tutto: è qualcosa di più dei comizi e dei convegni, delle correnti o dei partiti; segna continuamente le nostre scelte, le nostre idee, insomma la nostra vita. L'uomo, come diceva già Aristotele intorno al IV sec. a.C., è per natura un animale politico.

Credete veramente che sia un argomento da sottovalutare? Credete veramente che possa essere noioso parlarne? Credete veramente di poterne fare a meno? 
Si, sicuramente potrete fare a meno della politica a cui ci hanno abituato i nostri politici. O ancora meglio, del modo in cui questa politica ci viene somministrata, come medicina sociale. Potrete sicuramente rinunciare, alle esibizioni pesudo politiche televisive, alle piazzate, agli schiamazzi, a quell'assurdo modi di parlare dei problemi del paese da dietro delle barricate.   
Di queste cose potrete, e probabilmente vorrette, farne a meno: ma rinunciare alla scena politica, non vi libererà dalla Politica. Quando capiremo questo, qui in Italia, faremo un altro passo verso quella Democrazia di cui parlavamo.

"l'apoliticità non esiste. Tutto è politica"   T. Mann, La montagna incantata; 1924.   


 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie