Nuova policy

Policy del blog, da qui a un tempo x

venerdì 15 aprile 2011

La rana e la papera

Molti giovani bastioli (con la lettera minuscola, gli altri sono già troppi) crescono, ma quanto costano!? Sembra sempre di più, visto che la nostra amministrazione comunale, quella dei miracoli, ha deciso di aumentare le rette dell’asilo nido comunale, per entrambe le fasce ISEE più alte. Aumenti mica da ridere: per la prima (quella da 10 a 20 mila euro) si parla di incrementi della diaria da 2,58 a 4 euro (o aumento di circa 80 euro mensili) mentre per i ricconi della seconda fascia (quelli che superano i 20 mila euro lordi annuali!?) sembra che la retta mensile aumenterà di circa 100 euro (o qualcosa meglio, come si dice a Bastia). Non aumentare le tasse è una parafrasi per l’aumento del costo dei servizi pubblici a domanda individuale, come questo? Nel caso siamo capaci tutti!?
Senza rimarcare troppo la necessità fondamentale dei nidi, per numerose famiglie di lavoratori, che devono riportare a casa la pagnotta (sia papà che mammà) per arrivare alla fine del mese, vorremmo spostare un po’ l’attenzione, su un paio di punti che la dicono lunga sulla lungimiranza e sulla gestione dei servizi sociali, dell’attuale Governo cittadino.
Sembra che esponenti di riguardo della maggioranza al governo, abbiano risposto alle incessanti critiche, che Bastia è l’unico dei comuni limitrofi ad avere un nido comunale: ma da quando si guarda alle condizioni peggiori della nostra, piuttosto che mirare a migliorarsi? Ah, la lungimiranza, appunto!?...
Per di più, si è tenuto a sottolineare, che le rette sono allineate a quelle degli istituti privati: si ma questo è comunale, pubblico!?! Serve per chi ne ha veramente bisogno, in termini economici (anche se su questo si potrebbe aprire un’altra polemica, ma soprassediamo). L’istituto dell’asilo nido pubblico, è un fondamento basilare dei servizi sociali di una città: è da elementi come questo che si evidenzia l’indirizzo politico di un Sindaco e della sua Giunta. Portare i cittadini a preferire i servizi privati ai pubblici, è un atteggiamento figlio di quello pseudo-liberismo nazionale latitante, che ci condurrà, prima o poi, al taglio di tutti i sistemi di welfare statale.
Per ultimo, il dolce: il vero coupe de theatre. Secondo quello che ci hanno raccontato, sembra (sottolineamo sembra) anche che qualcuno abbia detto, ai genitori infuriati, che chiedevano spiegazioni sugli aumenti, che in fondo, “ci sono sempre i nonni!”. Grandioso!
Facciamo due conti: noi per esempio abbiamo 30 anni, supponiamo che avessimo un figlio. Supponiamo ancora, che i nostri genitori,  ci avessero concepito intorno ai 25/26 anni (una volta i figli si facevano prima, no?!); adesso sarebbero intorno ai 55, giusto!? Allora, qualcuno può spiegarmi, come farebbero a fare i baby sitter ai nipoti (come se fosse questo il compito istituzionale dei nonni della Città di Bastia?!), se ancora devono lavorare anche loro?! All’anima dell’assistenza sociale!?..
Altri due conti: al nido comunale, gli inscritti sono circa 90 (92 per la precisione), diciamo che mediamente si può supporre un aumento di 80 euro al mese, per un anno, fa circa 1000 euro a pargolo. Allora stiamo parlando di 90 mila euro totali: ma un comune come il nostro è possibile che non abbia questi soldi? Altra soluzione, se proprio siamo messi così male, almeno facciamo qualche sforzo, che ne so attappiamo qualche buca in meno: andiamo incontro ai genitori, mettiamo metà per uno di quei soldi?

Infine una considerazione di metodo, molto più razionale: accomunare per fasce ISEE, significa che quelli della terza, sopra ai 20mila per capirci, possono andare da 21 a n mila euro. Cifre molto variabili, quindi. Allora non sarebbe un'idea buona attribuire un peso maggiore al reddito, anziché al mero conteggio ISEE?

Gentili famiglie bastiole, comunque, non preoccupatevi per l’aumento delle rette, risparmierete un po’ di benzina, tagliando per la piazza !! E alla fine del mese i conti torneranno lo stesso!!
E poi, guardate avanti con ottimismo: Domenica il nostro City Mall, propone lo show di piazza. Come dite? Non avete soldi da spendere?! "Pussycat, viviamo tempi difficili! Ed io ho fretta!" (Ciao Pussycat, W. Allen).







1 commento:

  1. Per inciso, è vero che negli ultimi dieci anni, non è mai stata aumentata la retta degli asili. E' vero. Ma c'è modo e modo di aumentarle. In più c'è anche modo e modo di gestire questi aumenti..

    RispondiElimina

Commenta quel che vuoi o come vuoi. Ma cerca di mantenere quella che i più fighi chiamano "netiquette" e che qui chiamiamo "buon senso". Se poi riesci a dire anche qualcosa di intelligente, meglio.
Grazie